Novità

pubblicato il 8 ottobre 2011

Ossa 2012: ecco la nuova Explorer

Creata sulla base tecnica della TR280i, arriverà a marzo

Ossa 2012: ecco la nuova Explorer
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ossa 2012: Explorer - anteprima 1
  • Ossa 2012: Explorer - anteprima 2
  • Ossa 2012: Explorer - anteprima 3

Tanti anni fa esisteva una "disciplina" chiamata motoalpinismo, e si effettuava con moto da trial modificate: sella più alta e comoda, sospensioni dalla differente taratura, impianto luci potenziato… Poi sono arrivate delle leggi a tutela dell’ambiente piuttosto restrittive, che hanno reso le cose più difficili, e di conseguenza le case motociclistiche hanno iniziato ad abbandonare lo sviluppo dei motocicli dedicati.

Ossa desidera rilanciare questo tipo di moto, ma con un occhio all’utilizzo cittadino. Si chiama Explorer, lo stesso nome della leggendaria moto che fu presentata dalla Ossa stessa, nel 1972 a Parigi.
La Casa di Girona (Spagna), ora desidera riproporre lo stesso concetto, quello di una moto leggerissima, facile da guidare e realizzata per divertirsi in montagna come in città.

La nuova Explorer inizierà ad essere prodotta presso gli stabilimenti di Girona a febbraio (arriverà sul mercato a marzo), e sfrutterà la base tecnica della trial TR280i (motore a due tempi a iniezione e telaio). Questa piccola monocilindrica sarà dunque la linea di congiunzione tra trial ed enduro. Naturalmente non ha la sella della prima (sulle trial praticamente non esiste), e non è alta come le seconde. Questo, oltre ad un peso bassissimo di soli 74 chilogrammi, la rende appetibile anche all’utenza femminile, solitamente un po’ meno alta di statura.

A livello tecnico la Explorer può vantare un propulsore monocilindrico da 272,2 cc e addirittura le sospensioni regolabili! All’anteriore troviamo una forcella Marzocchi da 40 mm regolabile nell’estensione e nella compressione, mentre al posteriore, il monoammortizzatore può essere regolato nell’estensione e nel precarico molla. A "frenare" la leggerissima moto ci pensano due dischi: uno all’anteriore da 186 mm di diametro con pinza a due pistoncini paralleli, ed uno al posteriore da 160 mm, anch’esso con pinza a due pistoncini paralleli.

Le leve di cambio e freno posteriore sono addirittura pieghevoli, e la prima è forgiata in alluminio, tutte caratteristiche introvabili su moto anche di fascia più alta. Vi state chiedendo il prezzo? In Ossa dicono che non dovrebbe superare i 6.000 euro.

AD EICMA 2011, UNA NOVITA’
Le novità per l’azienda spagnola non si fermano però alla Explorer. Da Girona hanno annunciato l’arrivo di una moto da Enduro che sarà presentata a Eicma 2011. Non ci è dato sapere se la moto sfrutterà il propulsore da 280 cc, oppure se sarà nuova anche nel motore. Staremo a vedere, e naturalmente OmniMoto.it non mancherà di informarvi.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Novità , monocilindriche , enduro , fuoristrada , eicma 2011


Top