Sport

pubblicato il 5 ottobre 2011

Pharaons Rally 2011: Stage2 a Rodrigues

Il portoghese vola sui 478 chilometri di speciale

Pharaons Rally 2011: Stage2 a Rodrigues
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Pharaons Rally 2011: Stage2 - anteprima 1
  • Pharaons Rally 2011: Stage2 - anteprima 2
  • Pharaons Rally 2011: Stage2 - anteprima 3
  • Pharaons Rally 2011: Stage2 - anteprima 4
  • Pharaons Rally 2011: Stage2 - anteprima 5
  • Pharaons Rally 2011: Stage2 - anteprima 6

Nella giornata di ieri si è tenuta la seconda tappa del Pharaons Rally 2011. Nella prima giornata (ha vinto Coma N.d.R.) i piloti erano già stati messi alla dura prova, ma per la giornata di ieri, non si è scherzato. I rider hanno effettuato un lunghissimo anello con partenza ed arrivo a Tibniya, particolarmente difficile.

Daniele Cotto aveva avvisato i piloti la sera precedente che lo stage di questa giornata sarebbe stato particolarmente impegnativo, con una prima parte estremamente sconnessa, e con una seconda formata da un Oceano di dune di sabbia soffice. 478 chilometri poi, quasi tutti di speciale, non sono certo uno scherzo: solo 5 i chilometri di trasferimento! Un inferno che ha portato i rider fino quasi al Lago di Sitra, per poi farli "ripiegare" al bivacco di partenza (l’Oasi di Baharija).

A imporsi in questa giornata un Helder Rodrigues estremamente motivato, cha ha sfruttato alla perfezione la sua quarta posizione di partenza, per mettere la sua Yamaha proprio dietro la KTM di Marc Coma, arrivando proprio insieme al pilota catalano e a Jordi Viladoms.

Il secondo posto è andato al polacco Jakub Przygonski, dietro Rodrigues di 3’55", mentre in terza posizione troviamo proprio Jordi Viladoms, che ha chiuso con la sua Yamaha 21 secondi più tardi del polacco. Il vincitore dello Stage1, Marc Coma, si è dovuto accontentare del quarto posto, a 5’50" dal portoghese. Proprio quest’ultimo si è avvicinato all’alfiere della KTM: solo 1’23" il suo distacco in classifica generale.

Francisco "Chaleco" Lopez, dopo i problemi tecnici della prima giornata, ha chiuso quinto, un risultato tutt’altro che sufficiente per un pilota del suo calibro, ma a 100 chilometri dall’arrivo ha dovuto chiudere un po’ il gas per paura di terminare il carburante.
Il migliore degli italiani è stato Diocleziano Toia, nono davanti ad Andrea Mancini e Cesare Zacchetti.

La tappa di oggi, in pieno svolgimento, vedrà i piloti lasciare Tibniya, per giungere al bivacco di Sahal Baraka, nei pressi della famosa Oasi di Farafra, un paradiso formato da un deserto di sabbia bianca. Saranno ben 310 i chilometri, dei quali 286 di prova speciale.

INTERVISTE A CALDO
Helder Rodrigues (Yamaha 450):
"E’ stata una tappa molto lunga con tanta sabbia e tante pietre. Sono partito quarto questa mattina e poco a poco ho rimontato sui piloti davanti raggiungendo Viladoms. Ho corso con un buon ritmo e, alla fine, i miei sforzi sono stati premiati sul traguardo. Queste prime due tappe sono state molto difficili per la moto e per me, ma mi sono piaciute molto e per il momento sta andando tutto bene".

Jordi Villadoms (Yamaha 450):"Ho raggiunto molto in fretta Coma, poi abbiamo superato il tratto di dune senza particolari problemi tenendo un buon ritmo. Poi mi sono ritrovato con Helder ed abbiamo aperto la pista a turno arrivando assieme sul traguardo. Sono contento di come si sta comportando la moto, viste le sollecitazioni a cui è stata sottoposta in questi due giorni".

Marc Coma (KTM 450):"E’ stata una giornata tipica del Pharaons, sia come lunghezza che come difficoltà. Tutti gli elementi tipici della disciplina erano presenti, dal fuoripista alle dune, ai tratti sconnessi. Aprivo la pista e ho visto arrivare Viladoms e Rodrigues molto forte. Guidare per 500 chilometri su questi terreni è un allenamento eccezionale per imparare a dosare le energie e acquisire un buon ritmo di gara".

Chaleco Lopez (Aprilia 450):"Fortunatamente questa mattina sono potuto ripartire. Ho pensato soprattutto a guidare bene, poi nell’ultimo tratto ho rallentato per timore di finire la benzina".

Edouard Boulanger (Aprilia 450):"Dopo sei anni di assenza sono felice di essere di nuovo in sella, su una moto sconosciuta fino a ieri. Oggi è andato tutto bene fino al Km 400, ho passato senza problemi le dune, ma gli ultimi cento chilometri, molto impegnativi, mi hanno consigliato di calare un po’ il ritmo".

Pharaons Rally 2011: Stage2

Pharaons Rally 2011: Stage2

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Sport , monocilindriche , enduro , personaggi , gare , fuoristrada , piloti , personaggi famosi , rally


Top