Sport

pubblicato il 1 ottobre 2011

MotoGp, Motegi: Stoner in pole, ma Lorenzo è vicino

Nuovo record della pista e decima partenza al palo per l'australiano

MotoGp, Motegi: Stoner in pole, ma Lorenzo è vicino

Per come erano andate le prove libere di questa mattina, era abbastanza preventivabile che Casey Stoner potesse conquistare la sua decima pole position stagionale in MotoGp a Motegi. La vera notizia che arriva dalle prove ufficiali è infatti la grande ripresa mostrata da Jorge Lorenzo.

Lo spagnolo ha dimostrato ancora una volta di essere un mastino e di non avere alcuna intenzione di abbandonare la corsa al titolo. Ha lavorato a testa bassa per trovare la messa a punto ottimale per la sua Yamaha M1 e nel finale è riuscito a scendere sotto al tempo record della pista, che apparteneva proprio a lui, in 1'45"527.

Peccato per lui che pochi istanti più tardi Stoner sia riuscito a polverizzare ulteriormente il limite, portandolo a 1'45"267. Oltre a sfoderare questa grande performance, l'australiano ha continuato a mostrare un passo davvero invidiabile, anche se Lorenzo si è avvicinato parecchio anche da questo punto di vista. Non è da escludere quindi che la gara di domani possa finalmente regalare un bel duello tra i due contendenti al titolo.

Molto buona anche la qualifica di Andrea Dovizioso: il pilota italiano completa la prima fila con il terzo tempo, essendo riuscito a mettersi dietro un Dani Pedrosa che ha reso un po' al di sotto delle aspettative. Per "Dovipower" comunque questo è un risultato molto importante, specie in un momento come quello attuale che vede il suo futuro ancora in bilico.

In crescita Ben Spies, meno debilitato dall'intossicazione alimentare che lo ha colpito nei giorni scorsi e capace di mettere a segno il quinto tempo davanti a Marco Simoncelli: "SuperSic" si è anche reso protagonista di una caduta senza conseguenze, che però ha sicuramente rallentato il suo lavoro.

Valentino Rossi porta a casa la coccarda di primo degli "altri". Fino all'ultimo secondo il "Dottore" sembrava addirittura in grado di piazzare la sua Ducati in seconda fila, ma Simoncelli poi gli è saltato davanti proprio a tempo scaduto. Tuttavia, nonostante il distacco di 1"2 dalla pole, va detto che il miglioramento della GP11.1 in alluminio pare piuttosto evidente rispetto a Motorland Aragon.

Dietro di lui, racchiusi nello spazio di appena un paio di decimi, completano la top ten la Suzuki di Alvaro Bautista e le altre due Ducati di Hector Barbera e Nicky Hayden.

MotoGp - Motegi - Qualifiche

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top