Tecnica

pubblicato il 21 settembre 2011

Lit Motors C-1, lo scooter che non può cadere

Un interessante concept americano che sta in piedi sfruttando l'effetto giroscopico

Lit Motors C-1, lo scooter che non può cadere
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Lit Motors C-1 Concept - anteprima 1
  • Lit Motors C-1 Concept - anteprima 2
  • Lit Motors C-1 Concept - anteprima 3
  • Lit Motors C-1 Concept - anteprima 4
  • Lit Motors C-1 Concept - anteprima 5
  • Lit Motors C-1 Concept - anteprima 6

Quando si va in motocicletta si è consapevoli del fatto che prima o poi, volente o nolente, qualche contatto con il suolo bisognerà sperimentarlo. Il sogno di una motocicletta che non può cadere, e quindi renda più sicura la marcia del veicolo, è cullato da tutte le aziende, ma fin ora gli unici tentativi di impedire a un motociclo di cadere hanno giocoforza imposto l’aggiunta di almeno una ruota.
Fino ad oggi, infatti, l’unico esempio di veicolo quasi impossibile da ribaltare è costituito dal
Piaggio MP3, in attesa dell’arrivo del Quadro, la cui versione definitiva dovrebbe essere pronta per l’Eicma 2011.

LIT MOTORS C-1: CI PENSA L’EFFETTO GIROSCOPICO
L’idea per realizzare un veicolo a due ruote che non cade arriva dagli Stati Uniti ed è una proposta di concept della Lit Motors. L’oggetto si chiama C-1 ed è uno scooter con cabina chiusa a propulsione elettrica.
L’incredibile innovazione è che, nei piani di Daniel Kim amministratore delegato della Lit Motors, questo veicolo dovrebbe stare in piedi da solo sfruttando il ben noto principio dell’effetto giroscopico.
Nella parte bassa del telaio, infatti, dovrebbero essere installati due grossi volani che, messi in rotazione, sarebbero in grado di mantenere il C-1 in equilibrio.

Cerchiamo di spiegare in maniera molto semplificata, per chi non fosse avvezzo alla fisica, il concetto di effetto giroscopico. Un oggetto in rotazione attorno ad un asse avrà la tendenza a mantenersi in rotazione attorno a quell’asse, qualora intervenga una perturbazione esterna. Facciamo un esempio pratico. Prendete una ruota di bicicletta e tenetela di fronte a voi per il perno ruota. Finché essa è ferma, sarete liberi di muovere l’asse come volete, ma se la mettete in rotazione, scoprirete subito che sarà più difficile cambiare posizione all’asse, e ciò accade per via dell’effetto giroscopico.

Negli intenti della Lit Motors quindi ci sarebbe la possibilità di mantenere in equilibrio il C-1 semplicemente sfruttando l’effetto giroscopico di due volani controrotanti.
I due volani sono montati in modo da poter essere ruotati attorno a un asse trasversale e immaginiamo quindi che un sistema di controllo agisca in funzione dell’angolo di inclinazione dello scooter orientando le masse rotanti in modo da tenere in piedi il veicolo.

Ovviamente siamo di fronte ad un concept di stile ancora tutto da sperimentare, (il video che vedete è ben fatto ma ovviamente è finto…) però i test su un modello in scala che vengono mostrati sembrano offrire già risultati interessanti.
L’unico dubbio che abbiamo è legato alla quantità di energia richiesta per mantenere i volani in rotazione e per farne variare la velocità, anche perché, se si vuole che il veicolo si inclini per cambiare direzione, sarebbe necessario abbassare la velocità di rotazione, altrimenti lo scooter andrebbe inesorabilmente dritto.

Lit Motors C-1 Concept

Lit Motors C-1 Concept

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Tecnica , curiosità , anticipazioni , tecnica , tecnologia , automatiche , emissioni zero , lavoro , moto elettriche


Top