Sport

pubblicato il 15 settembre 2011

WSBK 2011: test Misano, Melandri si riconferma

Due decimi in meno per "Macio". Dietro di lui ancora Checa e Laverty

WSBK 2011: test Misano, Melandri si riconferma
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2011 Misano - Test - Day 2 - anteprima 1
  • WSBK 2011 Misano - Test - Day 2 - anteprima 2
  • WSBK 2011 Misano - Test - Day 2 - anteprima 3
  • WSBK 2011 Misano - Test - Day 2 - anteprima 4
  • WSBK 2011 Misano - Test - Day 2 - anteprima 5
  • WSBK 2011 Misano - Test - Day 2 - anteprima 6

Nella giornata di ieri si è svolta la seconda sessione di test del Mondiale Superbike a Misano, e Marco Melandri ha confermato l’ottimo momento di forma. Dopo aver ottenuto il miglior tempo nella giornata di martedì, il portacolori della Yamaha si è ripetuto ieri, limando di un paio di decimi la prestazione ottenuta solo 24 ore prima.
Con un crono di 1'35"8 è stato l'unico pilota capace di scendere sotto al muro dell'1'36", barriera che non è stata sfondata per un soffio dal leader del mondiale Carlos Checa e da Eugene Laverty, che come nella giornata precedente seguono il ravennate, accreditati dello stesso tempo. Melandri, dunque, lascia il tracciato molto soddisfatto delle novità di elettronica provate in questi due giorni. In casa Ducati Althea, invece, va detto che hanno lavorato soprattutto sulla confidenza con gli pneumatici per la prossima stagione.

Decisamente in crescita Ayrton Badovini: il pilota della BMW Motorrad Italia ha scalato la classifica fino al quarto posto, abbassando di ben sette decimi i suoi tempi fino ad arrivare ad 1'36"1, nonostante una scivolata senza conseguenze avvenuta in mattinata. Riscontro cronometrico imitato anche dalla Kawasaki di Joan Lascorz.
Un decimo più indietro troviamo l'altra ZX-10R del vincitore del Nurburgring, Tom Sykes. Alle spalle del britannico c'è poi un buco di mezzo secondo prima della Honda di Jonathan Rea, scivolato fino al settimo posto, giusto davanti ai due collaudatori Alex Hoffmann (Aprilia) e Steve Martin (BMW).

Toni Elias invece ha continuato a faticare nel suo apprendistato con le derivate di serie: lo spagnolo, sceso in pista con la BMW rimasta libera dopo il ritiro di James Toseland, si è leggermente migliorato rispetto alla giornata precedente, ma è comunque rimasto a circa 2" di distacco da Melandri.
Da segnalare l'abbandono anticipato di Chris Vermeulen, tormentato ancora dai problemi fisici: il rientro dell'australiano della Kawasaki quindi appare tutt'altro che scontato per la gara di Imola.

WORLD SUPERBIKE, Misano, 14/09/2011
Seconda giornata di test
1. Marco Melandri (Yamaha) 1'35"8
2. Carlos Checa (Ducati) 1'36"0
3. Eugene Laverty (Yamaha) 1'36"0
4. Ayrton Badovini (BMW) 1'36"1
5. Joan Lascorz (Kawasaki) 1'36"1
6. Tom Sykes (Kawasaki) 1'36"2
7. Jonathan Rea (Honda) 1'36"7
8. Alex Hoffmann (Aprilia) 1'36"9
9. Steve Martin (BMW) 1'37"1
10. Rubem Xaus (Honda) 1'37"4
11. Toni Elias (BMW) 1'37"8
12. Chris Vermeulen (Kawasaki) 1'38"4
13. Makoto Tamada (Honda) 1'38"8

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport , 1000 , pista , superbike , personaggi , gare , piloti , personaggi famosi


Top