Sport

pubblicato il 7 settembre 2011

Campionato Italiano Motorally 2011: il prossimo week-end a Roccaraso

Due giorni di navigazione tra Abruzzo e Molise

Campionato Italiano Motorally 2011: il prossimo week-end a Roccaraso
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Campionato Italiano Motorally 2011 Rapolano - anteprima 1
  • Campionato Italiano Motorally 2011 Rapolano - anteprima 2
  • Campionato Italiano Motorally 2011 Rapolano - anteprima 3
  • Campionato Italiano Motorally 2011 Rapolano - anteprima 4
  • Campionato Italiano Motorally 2011 Rapolano - anteprima 5
  • Campionato Italiano Motorally 2011 Rapolano - anteprima 6

Il prossimo week-end riprende il Campionato Italiano Motorally, con un doppio appuntamento, una due giorni valida come sesta e settima prova del Tricolore. Le due tappe si svolgeranno a Roccaraso (Abruzzo), e a partecipare all’evento organizzato dal MC Sahara Project ci saranno più di 180 piloti.

L’evento vedrà come location principale la ampia sede municipale (ospiterà Segreteria/Direzione Gara, briefing e premiazioni) e la Piazza Municipio, con quest’ultima che fungerà da partenza ed arrivo per entrambi i giorni di gara, nei meravigliosi ed unici panorami della regione Abruzzo.
Più che ben’accetto dalla popolazione locale, il Motorally vedrà addirittura il paddock allestito sul corso principale!

IL PROGRAMMA
Ma la regione protagonista non sarà solo quella abruzzese, bensì anche il Molise: si toccheranno, infatti, le provincie de L’Aquila e di Isernia, e ulteriori 13 comuni. Il via, il giorno 9 settembre, con le operazioni preliminari che si terranno tra le 15 e le 20. Un’ora e mezza dopo, sarà consegnato il Road Book, e sarà effettuato il briefing tecnico.

Nella giornata di sabato 10, primo giorno di gara, i piloti affronteranno un percorso di 178 Km, e due prove speciali in linea: una da 23, e l’altra da 30 chilometri. Queste saranno varie, molto tecniche e dinamiche, anche grazie alla varietà dei paesaggi offerti dalle due regioni. Verso fine giornata, ci sarà l’unica speciale fettucciata presso la località Aremogna, a otto chilometri dal paddock, e particolarmente difficile.
Il giorno successivo, dunque domenica 11, saranno ben 193 i chilometri da affrontare, e le prove speciali, nuovamente due (37 e 13 Km), saranno simili per caratteristiche a quelle del giorno prima, ma in zone differenti. Sicuramente la più spettacolare sarà la prima, visto che i rider passeranno addirittura a oltre 2.000 metri di quota, mentre per concludere, ci sarà un’altra prova fettucciata, a pochi metri dall’arrivo.

CHI E’ IL FAVORITO?
E’ difficile dirlo, visto che quest’anno i piloti sono tutti molto vicini quanto a punteggio, ed inoltre, mancano ancora tre prove da disputare, e di conseguenza 75 punti da assegnare. L’Assoluta è comunque la più combattuta, visto che al comando c’è Mancini con 76 punti, seguito però da Ceci con soli 6 punti di differenza, e da Graziani a 67. Quarto, Uslenghi a 56 punti, e dietro di lui Benetti e Zanotti a 53 punti, tutti piloti che possono fare bene e vincere.

Ma anche le altre classi non sono da meno, anche se stanno andando già a definirsi i "probabili" vincitori del titolo: nel femminile Erika Burioli, nella 125 4 tempo Stefano Danesi, e nella categoria "1.000", Massimo Doretto. Anche il Trofeo Veterani con Romano Caviglia e l’Under 21 con Luigi Martelozzo hanno il loro leader ben delineato. In ogni caso, il prossimo fine settimana potrebbe essere decisivo.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Sport , enduro , gare , fuoristrada , piloti


Top