Attualità e Mercato

pubblicato il 4 settembre 2011

Ducati-Mercedes: e se arrivasse una moto?

Sarebbe il primo frutto industriale dell'alleanza italo-tedesca per sfidare BMW Motorrad

Ducati-Mercedes: e se arrivasse una moto?

La partnership tra Ducati e Mercedes, concretizzatasi un anno addietro attraverso operazioni congiunte di marketing e sponsorship tra la Casa di Borgo Panigale e il colosso di Affalterbach, potrebbe portare presto a nuovi sviluppi, e tra essi potrebbe esserci la realizzazione di alcuni prodotti innovativi a marchio congiunto.

No, non siamo diventati matti, ma quanto sosteniamo, a ben guardare, potrebbe essere la naturale evoluzione degli accordi in essere e se lo sosteniamo è perché, durante tutto questo anno, ci siamo chiesti più volte fin dove si potrebbero spingere gli interessi del Gruppo Daimler Benz, nel rapporto con Ducati.

PERCHE’ UNA MOTO MERCEDES-DUCATI?
Sui motivi che possono spingere Mercedes a pensare ad un prodotto a due ruote si è già detto moltissimo. Tra essi c’è la storica rivalità con la conterranea BMW che nell’ultimo decennio ha assunto un ruolo di leader nel settore moto, allargando le proprie famiglie di prodotto a dismisura, fino ad abbracciare, con successo, tutti i segmenti del motorismo a due ruote.
Per fare concorrenza a BMW, però, abbiamo più volte ipotizzato che Mercedes potesse essere interessata all’acquisto di Ducati, e le rumours che sono circolate nelle ultime settimane in ambito finanziario sulla possibilità che Investindustrial metta in vendita Ducati sembrerebbero confermarlo.

Questa è però un’ipotesi che potrebbe concretizzarsi sì, ma non nell’immediato, e in un mondo dove le innovazioni tecnologiche si susseguono a ritmi serratissimi, anche perdere solo un paio di semestri in attesa di evoluzioni finanziarie potrebbe risultare troppo.
Perché allora non sfruttare la partnership già in essere per proporre fin da subito un prodotto congiunto?

Il dubbio ci è venuto qualche giorno addietro, quando la BMW ha dichiarato che al prossimo Salone di Francoforte, previsto tra pochi giorni, svelerà al pubblico due progetti di stile, uno marchiato BMW e uno di Husqvarna, volti a tracciare le nuove linee della mobilità individuale su due ruote.
Beh, secondo noi Mercedes non rimarrà certo alla finestra a guardare la propria rivale storica involarsi sulla via del progresso tecnologico senza dire la propria, e la collaborazione con Ducati potrebbe essere la giusta via per mettere velocemente un piede nelle due ruote, affidandosi al know how di chi costruisce moto da sempre.

SPORTIVA O SCOOTER. IBRIDA O ELETTRICA?
Quale sarà però la futura moto Ducati/Mercedes è davvero difficile stabilirlo ora, ma possiamo provare a fare delle ipotesi.
La prima, più semplice, potrebbe essere la via di un maxi-scooter Mercedes motorizzato Ducati. A pensarci è già da un po’ che si vocifera di uno scooterone Ducati e produrlo con marchio Mercedes potrebbe consentire a Borgo Panigale di entrare nel segmento del commuting urbano senza svilire il proprio marchio, che emana sportività da tutti i pori.

Un’altra ipotesi riguarda la mobilità sostenibile del futuro… Sappiamo tutti che il business dei prossimi 10 anni sarà quello della mobilità elettrica, e siamo altresì certi che tutte le aziende sia del mondo moto che di quello auto, stanno guardando con attenzione la nascita dei tanti nuovi brand che si stanno dedicando alla veicolistica elettrica: nomi come Tesla tra le auto, e come Brammo, Zero, Mission Motors tra le moto.
E se BMW si sta lanciando per prima in questo campo con l’E-Scooter, siamo certi che anche Mercedes non rimarrà con le mani in mano, di fronte ad una possibilità di business.
Detto ciò, una moto Mercedes/Ducati a propulsione elettrica (o ibrida?) potrebbe consentire a Ducati di ampliare il proprio orizzonte tecnologico, attingendo a risorse automobilistiche che per Mercedes sono ormai tecnologia consolidata.

La terza ipotesi è quella che, in verità, ci spaventa di più… Ducati è una moto sportiva da sempre, in ogni prodotto di Borgo Panigale è presente un DNA sportivo, ma è altresì vero che negli ultimi anni anche Mercedes, attraverso il marchio AMG, ha puntato tantissimo sull’identità sportiva delle proprie auto. E se pensiamo che la partnership con Ducati è sempre stata condotta con AMG, verrebbe da pensare che non potrebbe essere così assurdo pensare ad una sportiva desmo, ma con marchio Mercedes sul serbatoio
Del resto, quale è l’unica altra casa produttrice di motori, oltre a Ducati, ad aver sperimentato e ad aver anche vinto con motori a Distribuzione Desmodromica? La risposta, per chi conosce la storia è banale: Mercedes!

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato , bicilindriche , curiosità , mercato , anticipazioni , tecnologia , ibrido , moto elettriche , eicma 2011


Top