Attualità e Mercato

pubblicato il 31 agosto 2011

Ducati potrebbe andare sul mercato. Mercedes comprerà?

Stando agli analisti finanziari potrebbe concretizzarsi la vendita

Ducati potrebbe andare sul mercato. Mercedes comprerà?

Quando si parla di grandi aziende e di enormi gruppi finanziari è sempre molto difficile fare delle analisi precise basandosi sulle rumours e sulle notizie in circolazione.
Nel caso del marchio italiano con più fascino e tecnologia, la Ducati, considerato che i suoi azionisti di maggioranza sono costituiti da un grosso fondo d’Investimento, l’Investindustrial, è però possibile avanzare delle ipotesi sensate, basandosi sulle notizie che circolano.

DOW JONES NEWSWIRES: DUCATI VENDERA’
La notizia è apparsa un paio di settimane addietro sul Dow Jones Newswires, a firma di Marietta Cauchi. La notizia è stata riportata anche dal Wall Street Journal, e da lì subito ripresa dai soliti giornalisti dell’ultima ora, che l’hanno travisata completamente.
Cerchiamo quindi di capire insieme cosa potrebbe accadere nei prossimi mesi. Stando a quanto riportato dal Dow Jones, Investindustrial starebbe analizzando la situazione per decidere se cedere la propria quota di maggioranza attraverso una quotazione in borsa, o se lanciare un processo di vendita privato.

Analizzando la situazione dall’esterno, appare evidente che, essendo passati ormai sei anni dall’ingresso del fondo Investindustrial nell’azienda Bolognese, potebbero essersi ormai maturati gli interessi della famiglia Bonomi che, raggiunti gli obiettivi prefissi, potrebbe uscire da Ducati.
Nell’arco di questi sei anni, la quota di maggioranza di Investindustrial è passata dal 45% del 2006 (acquistato dal Texas Pacific Group), al 84,6 % del 2008. Nel frattempo la Ducati ha completamente rivisto le proprie linee di prodotto, ha visto crescere l’immagine del proprio brand che è entrato a tutti gli effetti nel novero dei marchi di lusso. Oltre a ciò la market share di Borgo Panigale è cresciuta, soprattutto sul mercato Statunitense e sui ricchi mercati emergenti come quello thailandese.
E’ notizia di pochi mesi fa, infatti, che ducati ha realizzato un nuovo stabilimento in Thailandia, voluto per assemblare in loco le moto per il mercato domestico, in modo da aggirare i pesantissimi dazi doganali vigenti.

Il successo che Ducati sta ottenendo sui mercati asiatici potrebbe aprire la strada (a quanto sostiene Cauchi) ad una possibile quotazione della società sul mercato azionario di Hong Kong, come già fatto da altri marchi di lusso come Prada e Samsonite.

Questa potrebbe indubbiamente essere una mossa per attrarre investitori asiatici nel settore auto motive e tutto ciò non farebbe altro che far crescere ulteriormente il valore dell’azienda, e quindi l’interesse di Investindustrial verso una possibile vendita.
Di sicuro prima che il fondo di investimento prenda una decisione, sarà necessario aspettare l’arrivo sul mercato della prossima Superbike, attesa per l’Eicma, per vedere il suo impatto sugli azionisti e sui possibili interessati all’acquisto.

MERCEDES COMPRERA’?
A nostro avviso, però, tra la possibilità di quotare l’azienda e quella di una vendita privata, è proprio questa seconda opzione ad essere la più accreditata e permetterebbe a Investindustrial di uscire più rapidamente da Ducati in favore di un acquirente unico.
E chi potrebbe essere questo acquirente se non la Mercedes che ormai da oltre un anno ha manifestato il suo interesse verso l’azienda di Borgo Panigale?
Lo sappiamo che sembra fin troppo banale supporre che sia Mercedes il possibile interessato, basandosi sugli accordi di partnership in essere, ma è altresì evidente che Mercedes così facendo si accaparrerebbe un brand importantissimo nel settore motociclistico, con il quale fare concorrenza alla rivale di sempre BMW. Oltre a ciò viene da pensare che in questo momento storico, chi potrebbe essere interessato a rilevare un brand come Ducati, se non un grande gruppo automotive?

A ben guardare, anche per Mercedes l’acquisto di un’azienda come Ducati, che nel 2010 ha dichiarato un margine operativo lordo di 79 milioni di Sterline, non sarebbe facilissimo dal punto di vista della liquidità necessaria, e quindi potrebbe non essere poi del tutto peregrina l’ipotesi che Mercedes compri per poi realizzare i liquidi necessari a reinvestire in Ducati, attraverso una offerta pubblica di acquisto.

Insomma, tutte queste sono solo ipotesi tutte da verificare, ma noi restiamo dell’idea che l’attore principale di questa transazione sarà proprio la Mercedes.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato , bicilindriche , curiosità , mercato , lavoro , eicma 2011


Top