Attualità e Mercato

pubblicato il 4 agosto 2011

UNASCA: a rischio le immatricolazioni, mancano le targhe!

Diverse le città in difficoltà, il Poligrafico di Stato è la causa

UNASCA: a rischio le immatricolazioni, mancano le targhe!

Cos’è la cosa che vi consegnano quando immatricolate un veicolo? La targa! E se non avete la targa, non potete circolare. Oltre alla crisi, con conseguente mercato in difficoltà, ora ci si mette pure questa, e come accaduto negli anni passati, ritorna puntuale l’allarme targhe.

A lanciare il segnale è l’Unasca, l’Unione Nazionale Autoscuole Studi Consulenza Automobilistica, che denuncia il rischio di un blocco delle immatricolazioni visto che le scorte di targhe disponibili, soprattutto di auto e moto, si stanno pericolosamente esaurendo a causa della loro mancata produzione e consegna da parte del Poligrafico dello Stato.

"Con l’arrivo del fine mese, dove si registrano il maggior numero di immatricolazioni e in concomitanza con le partenze estive, puntualmente riesplode il problema di carenza targhe presso alcuni uffici della Motorizzazione Civile - precisa in una nota il Segretario Nazionale dell’Unasca Ottorino Pignoloni - come accade appunto oggi a Torino, Brescia, Piacenza, Modena, Bolzano, Pistoia dove si stanno esaurendo le scorte o addirittura non ci sono più targhe auto. E poi a Napoli, Asti, Chieti, Pisa e Cagliari dove stanno finendo le targhe moto, mentre a Palermo sono esaurite le targhe di rimorchi, a Lodi e Verbano-Cusio-Ossola quelle dei ciclomotori".

"Un fatto grave perché, oltre a danneggiare il mercato dei veicoli, determina pesanti fastidi agli Utenti che si vedono impedito l’uso del bene acquistato e blocca il sistema informatico delle immatricolazioni presso gli STA – Sportello Telematico dell’Automobilista – generando pure una serie di attività onerose nei tempi e nei costi che si riversano sull’incolpevole automobilista. Questa situazione determina un pesante disagio – continua Pignoloni – sia per gli automobilisti che debbono partire per le vacanze e sono impossibilitati a ritirare i veicoli acquistati, ma anche per il mercato dell’auto e per gli Sportelli Telematici dell’Automobilista che non sono messi in condizione di fornire il servizio loro richiesto. La situazione ha dell’incredibile visto il periodico e cronico ritardo del Poligrafico dello Stato nella produzione e la consegna delle targhe alle Motorizzazioni malgrado le richieste del Dipartimento dei Trasporti del Ministero".

Una situazione che ha dell’incredibile malgrado le tante interrogazioni parlamentari in materia, purtroppo andate puntualmente nel dimenticatoio. Ora non resta che attendere che la situazione si sblocchi, ma la cosa non fa disincentivare le vendite di moto. Ci mancava pure questa!

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , strada , varie , mercato , codice della strada


Top