Attualità e Mercato

pubblicato il 3 agosto 2011

Lambretta: al via l'operazione anticontraffazione

Venduti LN e LS125 non originali con il nome "Lambretta"

Lambretta: al via l'operazione anticontraffazione
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Lambretta LN 125 - 151 - anteprima 1
  • Lambretta LN 125 - 151 - anteprima 2
  • Lambretta LN 125 - 151 - anteprima 3
  • Lambretta LN 125 - 151 - anteprima 4
  • Lambretta LN 125 - 151 - anteprima 5
  • Lambretta LN 125 - 151 - anteprima 6

Lambretta corre ai ripari con un’operazione anticontraffazione. Il Consorzio Lambretta, formato da Fine White Line Limited (FLW), Lambretta Scooters Limited (LSL) e Lambretta Licensing (IRE) Ltd, ha individuato degli importatori che violano il marchio registrato, vendendo scooter ( LN125 e LS125) non originali, sfruttando il nome del Marchio Registrato, Lambretta, appunto.
Le tre compagnie, identificate con il nome Lambretta Consortium, tramite le autorità di polizia e doganali, hanno messo in atto una procedura per assicurare la tutela dei propri diritti sul marchio di cui sono in possesso.

Gli "imputati", sono due ex licenziatari del brand, l’irlandese Clag International e l’azienda italiana Motom Elecrionics Group Spa. Questo per rimanere in Europa, perché il Consorzio vuole portare in tribunale anche il produttore dei due scooter, la Her Chee Industrial Co Ltd (questa opera con il nome "Adly" e Gamax Moto Corporation N.d.R.), che pare venda i medesimi scooter ma con un altro marchio.
Pensiate sia finita qui? Assolutamente no! Lambretta ha inviato lettere di diffida e di intimazione di cessazione a tutti i distributori conosciuti in Europa, Asia, America ed Oceania, con il fine di metterli al corrente di ciò che sta accadendo, e delle eventuali implicazioni conseguenti a tutte le attività non legali.

Ultimo passo effettuato da Lambretta Consortium, l’avviso al pubblico via il proprio sito web, di non effettuare alcun tipo di pagamento anticipato ai distributori locali!
Nell’indagine poi, oltre ai distributori fidati, ci sono anche delle riviste di settore coinvolte, che magari hanno pubblicizzato inconsciamente i marchi violatori del Copyright.

Nel corso delle indagini tramite le autorità ed i propri avvocati, Lambretta ha scoperto diverse società di facciata e di investimento, come www.lambretta-italia.it, www.lambrettamotorcycles.com e www.lambrettaoriginale.com, coperte con diversi proprietari, proprio per nascondere al Consorzio la cosa.
E se volete comprare una Lambretta? L’unica organizzazione che può fornire contratti di licenza per i due scooter è la Lambretta Distribution Ltd con sede nel Regno Unito, ad Althorp.
In bocca al lupo Lambretta, la tua storia continua!

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Attualità e Mercato , monocilindriche , scooter , varie


Top