Sport

pubblicato il 30 luglio 2011

WSBK, Silverstone, Superpole: Hopkins sorprende tutti

Solo quarto tempo per Checa, con Melandri sesto, e Biaggi 11esimo, è caduto

WSBK, Silverstone, Superpole: Hopkins sorprende tutti

John Hopkins non poteva sperare di meglio per il suo ritorno nel Mondiale Superbike: arrivato come wild card per il round di Silverstone, il pilota della Suzuki Crescent ha infatti portato a casa la Superpole, sfoderando un crono di 2'04"041, con cui ha beffato per appena una manciata di millesimi il pilota di casa Eugene Laverty, risalito decisamente nella Superpole 3 dopo aver faticato un po' nella prima fase del weekend.

La prima fila è poi completata da Leon Camier, che per una volta si è tolto la soddisfazione di essere il miglior pilota in sella ad una Aprilia, e dalla Ducati del leader del mondiale Carlos Checa. Lo spagnolo del team Althea forse non è riuscito a sfruttare al meglio il suo potenziale, ma per domani sembra messo veramente bene sul passo di gara.

La seconda fila è aperta dall'altra 1198 del francese Sylvain Guintoli, seguito a ruota da Marco Melandri: la quinta-sesta posizione sembra essere un po' il limite del pilota ravennate della Yamaha su questa pista. Gli ultimi due ad avere accesso alla Superpole 3, infine, sono stati Michel Fabrizio e Noriyuki Haga.

Non si può non notare, dunque, che nell'ultimo segmento non è sceso in pista Max Biaggi, eliminato al termine della Superpole 2. Il campione del mondo in carica non riesce a trovare il giusto feeling con la sua Aprilia ed ha pagato anche una caduta avvenuta nella Superpole 1, quindi prenderà il via solamente dall'undicesima posizione.

Davanti a lui troviamo anche le due BMW di Leon Haslam ed Ayrton Badovini, con l'italiano che forse avrebbe potuto dire la sua per entrare in Superpole 3 se non si fosse reso protagonista di una caduta nella prima mini sessione. La terza fila è poi completata da uno straordinario Mark Aitchinson, miglior pilota Kawasaki con la moto del team Pedercini.

Dopo la Superpole 1 hanno invece alzato bandiera bianca Jakub Smrz, James Toseland, Maxime Berger e Tom Sykes. Quest'ultimo non è neppure sceso in pista a causa di una microfrattura rimediata nella caduta dell'ultima sessione di prove libere. Domani comunque farà il possibile per presentarsi al via.

World Superbike - Silverstone - Superpole

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top