Attualità e Mercato

pubblicato il 28 luglio 2011

De Laurentiis in fuga senza casco: pessimo esempio

Il presidente del Napoli, come passeggero di uno scooter, senza casco

De Laurentiis in fuga senza casco: pessimo esempio

Poche ore fa il "computer" ha deciso: ecco il calendario del campionato di calcio 2011/12, Serie A. Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, non gradisce: reputa che la squadra partenopea sia stata penalizzata da impegni in Italia e in Europa (Champions) troppo ravvicinati.
Reazione verbale, insulti e fuga dallo studio dove si stava effettuando il sorteggio. E fin qui, nulla di male. Le parolacce? Ma per carità: il calcio (specie in Italia) è uno degli sport più violenti e volgari del mondo; due paroline non scandalizzano. Ci indigna invece che De Laurentiis si sia allontanato in scooter, chiedendo un passaggio, senza casco. Un passeggero che vìola il Codice della strada. Ma non solo. Un uomo che fa a pezzi il buon senso.

I RAGAZZI GUARDANO
Il fatto è che proprio Napoli è la città dove i ragazzi, troppo spesso, girano in scooter senza casco. Mettendo a rischio la sicurezza. E sapete quali sono i modelli di vita preferiti dai giovani nel capoluogo partenopeo? Tutti i personaggi che ruotano attorno al mondo del calcio: giocatori e dirigenti. Vedere proprio il presidente del Napoli che viaggia in moto senza casco, nel traffico, fa tristezza. Un autogol clamoroso.

Il nostro auspicio è che De Laurentiis faccia ammenda: "Ho sbagliato a circolare senza casco. Sono stato ’nu fess", come si dice ai piedi del Vesuvio. In merito alle parolacce e agli insulti, riteniamo invece che si inquadrino perfettamente nel colorito mondo del calcio italiano: per quanto ci riguarda, può anche confermarle e ribadirle. Purché indossi il casco.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , scooter , curiosità , caschi , sicurezza , codice della strada , personaggi famosi


Top