Sport

pubblicato il 25 luglio 2011

TTXGP 2011 Laguna Seca: vince la Mission R di Steve Rapp

Quinto Alessandro Brannetti con la eCRP

TTXGP 2011 Laguna Seca: vince la Mission R di Steve Rapp
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • TTXGP Laguna Seca - Gara - anteprima 1
  • TTXGP Laguna Seca - Gara - anteprima 2
  • TTXGP Laguna Seca - Gara - anteprima 3
  • TTXGP Laguna Seca - Gara - anteprima 4
  • TTXGP Laguna Seca - Gara - anteprima 5
  • TTXGP Laguna Seca - Gara - anteprima 6

La gara congiunta tra TTXGP North America e Europa si era aperta con i migliori favori del pronostico e si è conclusa con una bella battaglia tra le moto in gara.
Steve Rapp e la sua Mission R si sono presentati a Laguna Seca con la chiara intenzione di dominare, ed è esattamente ciò che hanno fatto. Fin dalle libere del venerdì la sua moto da oltre 141 cv ha imposto un ritmo sostenutissimo, impossibile da seguire per nessuno degli avversari.
I risultati delle qualifiche avevano infatti chiarito fin da subito che sarebbe stato inutile lottare contro Steve Rapp che al sabato ha staccato tutti di oltre sei secondi.

Il tempo siglato dall’americano, di 1’31.376 è davvero emblematico del salto quantico che le moto elettriche stanno facendo anno dopo anno e della velocità con cui stanno avvicinando le moto "termiche".
Se prendiamo, infatti, la pole position di Jorge Lorenzo di 1’21.002, fatta lo stesso giorno, capiamo subito come girare a 10 secondi dalla miglior MotoGP sia un risultato interessante e che avrebbe consentito a Steve Rapp di schierarsi quarto nella gara di Supersport Ama che si è tenuta in concomitanza.

La seconda considerazione che si può fare è che la categoria delle elettriche è ancora ad uno stadio evolutivo embrionale e che di conseguenza il regolamento consente di spaziare tantissimo con la tecnica. Si vedono in pista, infatti, moto spinte da motori che hanno ampiamente superato i 140 cavalli, ma che pesano anche oltre 200/220 kg, confrontarsi con altre, come la eCRP 1.4 accreditate di circa 70 cavalli ma da soli 160 kg di massa.
Insomma, in questa categoria non è ancora chiaro se convenga puntare su Davide o su Golia, anche se un vecchio adagio che da sempre aleggia nei box degli autodromi dice che: "le gare si vincono col motore"

LA GARA: MISSION(E) COMPIUTA!
La gara del TTXGP di Laguna Seca è stata un soliloquio di Steve Rapp e la sua Mission R. Alla prima curva Steve era già in testa, tallonato dalla Lightning di Michael Barnes e dal vincitore dello scorso anno
Michael Czysz sulla omonima MotoCzysz E1PC.
Quarto alla prima curva il nostro Alessandro Brannetti che si è ritrovato alle calcagna della sua eCRP 1.4 il rivale europeo Matthias Himmelmann sulla Münch TTE 2 e Steve Atlas sulla Brammo Empulse RR.

Dietro di loro si formava un terzo gruppetto con Thad Wolff, Marcellino Manzano, la graziosa californiana Shelina Moreda e Ely Schless.
Al quarto giro Steve Rapp aveva già inflitto distacchi notevoli agli avversari. Dietro i tre battistrada continuava la lotta per il quarto posto con Steve Atlas che al sesto giro rompeva gli indugi mettendosi davanti a Brannetti a guidare il gruppetto di inseguitori. Contemporaneamente per Rapp era già tempo di doppiaggi, a conferma del fatto che i valori in campo sono ancora molto impari.

All’ultimo giro si è poi ripetuto il copione dello scorso anno, con Michael Czysz che ha superato Michael Barnes poco prima della bandiera a scacchi, staccando la Lightning (in crisi con l’energia a fine gara) di soli 0.719 s.
Shelina Moreda, pilotessa statunitense al soldo della CRP ha conquistato un buon ottavo posto dietro alla Moto Electra di Thad Wolff.

ARRIVEDERCI A LE MANS
Archiviata la gara congiunta TTXGP/FIM e-Power, si torna a correre nei rispettivi campionati: la serie Europea si ritroverà ad Assen il prossimo 3 agosto, il campionato Australiano correrà a Winton Raceway il 4 settembre, mentre la sede dell’ultimo appuntamento per i piloti Americani è vacante e sarà comunicata a breve.
Detto ciò, il duello tra i due continenti avrà una seconda puntata il 23 settembre, quando americani ed europei si incontreranno nuovamente a Le Mans durante la 24 Ore di Endurance.
C’è da star certi che Brannetti e Himmelmann faranno di tutto per "accogliere degnamente" gli yankees e tenere alto il nome della vecchia Europa!

TTXGP LAGUNA SECA – GARA
Classifica dopo 8 Giri (28,88 Km)
1. Steve Rapp (USA)- Mission Motors -12'40.597
2. Michael Czysz (USA) - Segway Racing MotoCzysz -13'20.592
3. Michael Barnes (USA) - Lightning Motorcycles -13'20.825
4. Steve Atlas (USA) - Brammo Racing -13'40.456
5. Alessandro Brannetti - (ITA) - CRP Racing -13'40.812
6. Matthias Himmelmann - (GER) - Münch Racing Team - 13'41.076
7.Thad Wolff (USA) - Moto Electra Racing - 12'51.894 -1 lap
8.Shelina Moreda (USA) - CRP Racing - 13'16.681 -1 lap
9.Ely Schless (USA) - Proto Moto Racing -14'17.093 -1 lap
10.Marcelino Manzano (SPA) - LGN Racing Team - 14'25.614 -1 lap
11.Kenyon Kluge (USA) - K Squared Racing - Ritirato

• Circuit record 2010 - Michael Czysz - 1'44.496 (124.368 Km/h)
• Fastest lap (New record) - 1'33.194 (139.451 Km/h)
• Pole position - Steve Rapp - 1'31.376 (142.225 Km/h)

TTXGP LAGUNA SECA – QUALIFICHE
1. Steve Rapp (Mission R), 1’31.376
3. Michael Barnes (Lightning), 1’37.505
2. Michael Czysz (Motoczysz E1PC), 1’39.272
4. Matthias Himmelmann (Münch TTE 2), 1’42.051
5. Steve Atlas (Brammo Empulse RR), 1’42.127
6. Alessandro Brannetti (eCRP 1.4), 1’42.392
7. Thad Wolff (Moto Electra), 1’49.309
8. Shelina Moreda (eCRP 1.4), 1’53.611
10. Marcelino Manzano (E-Jarma), 1’55.075
11. Kenyon Kluge (Zero S), 1’59.778
9. Ely Schless (Proto Moto), 2’00.012
12. Mike Hannas (Lightning), non partito.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , pista , gare , automatiche , autodromi , piloti , emissioni zero , moto elettriche , ttxgp


Top