Novità

pubblicato il 20 luglio 2011

Ossa 2012: nuova TR280i

La trial di Girona ora è più leggera e facile da guidare

Ossa 2012: nuova TR280i
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ossa TR280i 2012 - anteprima 1
  • Ossa TR280i 2012 - anteprima 2
  • Ossa TR280i 2012 - anteprima 3
  • Ossa TR280i 2012 - anteprima 4
  • Ossa TR280i 2012 - anteprima 5

Ossa (Orpheo Sincronics Sociedad Anonima) azienda spagnola rinata nel 2009, è un costruttore di moto da trial. L’anno scorso presentò ad EICMA 2010 la TR280i, che ora va a rinnovarsi per il prossimo anno.
Questo nuovo modello, che ha sempre lo stesso nome, è già in catena di montaggio; ecco il commento del Capo progetto Josep Serra Xiu: "Abbiamo migliorato il modello 2011 ed il risultato è una moto più leggera e più facile da guidare". La Casa di Girona è già in attività, e saranno prodotte 1.500 moto, distribuite in 25 paesi.

Si è vista per la prima volta in occasione del Campionato del Mondo a Montecretese (Verbania), e già il look è più "racing". Il colore ora è verde oliva, su base nera e grigia con inserti marroni.
Sono state aggiunte delle nuove protezioni ai radiatori e alla marmitta, e diversi particolari impreziosiscono il telaio. La scatola del filtro aria è stata completamente ridisegnata, ed ora garantisce un’entrata dell’aria più diretta nel motore. La forma interna è a "Z" e proprio grazie a questa conformazione secondo Serra, l’ingresso dell’acqua e sporco è praticamente nullo, e l’approvvigionamento di aria fresca è assicurato.

Gli sviluppi poi si sono concentrati sull’ergonomia e sulla manovrabilità. Le pedane ora offrono più grip ed una superficie maggiorata, ed allo stesso tempo sono più leggere di prima. I protettori della marmitta sopraccitati garantiscono più spazio per gli stivali, e le nuove piastre di sterzo, che trovano spazio più in basso, incrementano l’angolo di sterzata.
La versione 2012 poi, ha un nuovo set-up della forcella, più progressiva e più morbida, in modo da aumentare il feeling con la moto.

Il mozzo della ruota posteriore è diverso, con cuscinetti a sfere, il silenziatore e la leva del kickstart sono rinforzati. I dischi della frizione sono nuovi, e una differente mappatura dell’iniezione aiuta l’avviamento del propulsore a freddo. Rivisto anche l’indicatore di livello del carburante, la molla dell’alberino del cambio, la pompa dell’acqua, e nuova è anche la molla dell’acceleratore.
Ora il peso della moto è di 64,5 Kg a secco, ed il prezzo è di 6.640 euro. Il propulsore è sempre il monociclindrico da 272,2cc alimentato da iniezione elettronica Kokusan.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Novità , monocilindriche , fuoristrada , trial


Top