Sport

pubblicato il 18 luglio 2011

MotoGP 2011: Bridgestone cambia le regole per le gomme

Proposta una revisione al sistema di assegnazione pneumatici, 1 anteriore in più

MotoGP 2011: Bridgestone cambia le regole per le gomme

La stagione 2011 della Bridgestone si sta rivelando più complessa delle precedenti. Più volte i piloti si sono lamentati della scarsa disponibilità di mescole utilizzabili nel weekend e di conseguenza delle difficoltà di adattamento dei pneumatici alla propria ciclistica.

Lavorando in contatto con la Safety commission, che riunisce i rappresentati dei piloti, di FIM, IRTA e Dorna, la Bridgestone ha proposto alla Commissione GP una revisione della procedura di assegnazione dei pneumatici ai team per le rimanenti gare della stagione 2011, a partire dal Gran Premio della Repubblica Ceca in programma il 14 agosto.

Questa modifica giunge in risposta alle richieste dei piloti impegnati nel Campionato MotoGP e rappresenta il risultato del continuo lavoro di sviluppo compiuto dalla Casa giapponese negli ultimi 18 mesi, che aveva portato all’introduzione anticipata della mescola extra soft nel 2010, e alla selezione di pneumatici con mescola più morbida per i Gran Premi di Catalunya, Gran Bretagna, Olanda, Italia e Germania del 2011.

Per il Gran Premio degli Stati Uniti, in programma sul tracciato di Laguna Seca il prossimo weekend, è stato selezionato il posteriore con mescola più morbida extra soft, nel continuo tentativo di migliorare le performance di riscaldamento, specialmente per le sessioni di prove libere del mattino che si disputano con temperature più fredde.

A partire dal Gran Premio della Repubblica Ceca e per le successive gare, verranno introdotti cambiamenti più significativi: Bridgestone garantirà a tutti i piloti un maggior numero di slick per l’anteriore, con tre opzioni di mescola anziché due, e rivedrà il sistema di assegnazione dei pneumatici slick per il posteriore per consentire ai piloti di selezionare un maggior numero di opzioni a seconda delle preferenze.

Il regolamento attuale consente due opzioni di mescola per i pneumatici slick anteriori e posteriori: un totale di otto pneumatici per l’anteriore e dieci per il posteriore per ciascun pilota a weekend. A partire dalla gara di Brno, Bridgestone preparerà tre opzioni di mescola per l’anteriore in ogni gara e garantirà a ciascun pilota nove pneumatici anteriori a weekend. Dieci pneumatici posteriori saranno ancora disponibili in due opzioni di mescola per weekend, ma i piloti potranno scegliere più di un’opzione di pneumatici, fino ad un massimo di sei di un’opzione di mescola e quattro di un’altra.

Hiroshi Yamada, Responsabile Bridgestone Motorsport: "Abbiamo lavorato in stretto contatto con FIM, Dorna e con i piloti per preparare questa proposta di assegnazione e le necessarie rettifiche al regolamento e abbiamo apportato significativi cambiamenti alla nostra procedura di assegnazione dei pneumatici ai team, come parte del nostro continuo sforzo di concentrarci maggiormente sul miglioramento delle performance di riscaldamento dei pneumatici. Quando lo scorso anno sono iniziati i commenti da parte dei piloti sulle performance di riscaldamento dei pneumatici, abbiamo sviluppato una gomma extra soft per i pneumatici posteriori per cercare di migliorare la situazione. All’inizio di quest’anno avevamo già selezionato le opzioni di mescola più morbida per cinque delle prime nove gare, per garantire un più rapido raggiungimento della temperatura ottimale di esercizio. Successivamente, durante il Gran Premio d’Italia, abbiamo deciso di portare per il posteriore pneumatici con tipologia di mescola più morbida per altre sei delle rimanenti nove gare, e con quest’ultimo cambiamento al nostro sistema di assegnazione dei pneumatici speriamo davvero di arrivare ad un livello in cui i piloti siano soddisfatti di questa ulteriore possibilità di scelta a disposizione in ciascun weekend e siano più a loro agio con quest’ulteriore mescola morbida da utilizzare nelle sessioni di prove del mattino con temperature più fredde. Quest’anno l’introduzione della sessione di prove libere al venerdì mattina ha cambiato la situazione per noi perché le condizioni della pista all’inizio del weekend di gara non sono mai ideali e proprio in queste sessioni si sono verificate la maggior parte delle cadute da parte dei piloti. Consideriamo la sicurezza una priorità e siamo particolarmente dispiaciuti per i numerosi incidenti avvenuti quest’anno e vogliamo evitare ulteriori cadute. Spero che questo significativo cambiamento al sistema di fornitura ufficiale di pneumatici dimostri la rilevante considerazione da parte nostra riguardo i commenti dei piloti. Abbiamo lavorato a lungo per raggiungere questo compromesso e per fare sentire più sicuri e fiduciosi i piloti nella fase di riscaldamento dei pneumatici".

LE MODIFICHE IN DETTAGLIO: ANTERIORI
Con l’introduzione della nuova opzione di mescola soft, saranno tre le tipologie di scelta delle mescole disponibili per il pneumatico anteriore, secondo questo schema:

Brno: Soft (in più), Dura, Extra Dura
Indianapolis: Soft (in più), Media, Dura
Misano: Soft (in più), Media, Dura
Aragon: Soft (in più), Media, Extra Dura
Motegi (provvisorio): Soft (in più), Media, Dura
Phillip Island: Soft, Media
Sepang: Dura, Extra Dura
Valencia: Soft, Media

In Australia e a Valencia la mescola soft era già stata selezionata, quindi non è disponibile un’opzione di mescola più morbida, rendendo inutile per i piloti una terza opzione di mescola. In Malesia la configurazione del tracciato, caratterizzata da due rettilinei principali, in aggiunta alle pesanti frenate, all’elevata temperatura e alle velocità sostenute, non richiede l’introduzione di una terza mescola più morbida, perché il livello di usura dei pneumatici sarebbe troppo elevato e la stabilità insufficiente.

Il numero di pneumatici a disposizione di ciascun pilota per l’anteriore è, quindi, aumentato di uno, per un totale di nove per weekend, anche nelle ultime tre gare delle stagione che non richiedono l’introduzione di una terza mescola.
Un ulteriore cambiamento riguarda la modalità con la quale i piloti possono scegliere le opzioni disponibili, con un massimo di tre nuovi pneumatici con mescola soft per ciascun pilota nelle sopracitate gare.
Con queste modifiche nella giornata di giovedì a tutti i piloti verranno assegnati cinque pneumatici anteriori così suddivisi: 2 duri, 2 medi e 1 soft specifico per le sessioni di prove libere del mattino che si disputano con temperature più basse. Dopo la seconda sessione di prove libere i piloti potranno scegliere quali mescole vogliono ricevere per gli ultimi quattro pneumatici anteriori (per un totale di nove).

POSTERIORI
Durante il Gran Premio d’Italia era stato stipulato un accordo tra Bridgestone, FIM, Dorna e i piloti secondo il quale sarebbero state riviste le selezioni di tipologie di pneumatici per il posteriore per le rimanenti gare della stagione. Gli slick con mescola più morbida saranno portati in sei delle nove rimanenti gare della stagione in programma dopo il Gran Premio di Germania. Alla luce di questo accordo, ed essendo inutile l’introduzione di una terza opzione di mescola più dura, i piloti riceveranno ancora due tipologie di mescole per il pneumatico posteriore in ciascun Gran Premio, per un totale di dieci pneumatici complessivi a gara.

La procedura di assegnazione dei pneumatici posteriori verrà modificata. Al giovedì a ciascun pilota vengono assegnati otto slick così suddivisi: 4 duri e 4 morbidi. Dopo la seconda sessione di prove libere i piloti possono scegliere come ricevere gli ultimi due pneumatici per il posteriore, in una combinazione di 5/5, 4/6 o 6/4, in base alle condizioni di ciascun weekend e alla preferenza dei piloti.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , motogp , pista , curiosità , anticipazioni , gomme , gare , piloti


Top