Sport

pubblicato il 16 luglio 2011

MotoGp, Sachsenring, Libere 3: Lorenzo di un soffio

Pedrosa e Simoncelli (caduto) sono a meno di 50 millesimi

MotoGp, Sachsenring, Libere 3: Lorenzo di un soffio

L'ultima sessione di prove libere del Gp di Germania di MotoGp si chiude nel segno dell'equilibrio, con i primi tre racchiusi nello spazio di appena 47 millesimi. Una situazione che lascia presagire che tra qualche ora assisteremo ad una battaglia entusiasmante per quanto riguarda la pole position.

Dopo che ieri era stato Marco Simoncelli a dettare il passo, questa mattina è toccato a Jorge Lorenzo prendere le redini del gruppo, realizzando un crono di 1'22"112, grazie al quale ha preceduto di 41 millesimi un Dani Pedrosa che sembra aver finalmente ritrovato lo smalto delle giornate migliori.

Appena sei millesimi più indietro rispetto allo spagnolo troviamo "SuperSic", che è stato anche vittima di una brutta caduta, ma fortunatamente senza conseguenze. Poi c'è un leggero buco, anche se comunque di dimensioni ridotte. In quarta piazza, infatti, Casey Stoner paga quasi tre decimi nei confronti di Lorenzo: il leader del mondiale non sembra proprio riuscire a digerire il Sachsenring neanche con la Honda.

In quinta posizione c'è poi Andrea Dovizioso, staccato di poco più di tre decimi, che è seguito a ruota da un Nicky Hayden che manda segnali importanti alla Ducati: è vero che il saliscendi tedesco è molto breve, però quest'anno le Desmosedici non erano mai state così vicine alla concorrenza.

Fatica, e non poco, invece Valentino Rossi: il "Dottore" arranca in 12esima posizione ad oltre 1"1 con la GP11.1. Vedendo cosa sta combinando qui Hayden con la "vecchia" GP11, viene quasi da chiedersi se a Borgo Panigale continuano ad essere convinti che l'evoluzione data a Valentino sia migliore...

Anche Ben Spies, infine, non riesce a trovare il giusto feeling con la sua Yamaha M1. L'americano comunque è decisamente più avanti ed è risultato più veloce di circa mezzo secondo rispetto a Rossi.

MotoGp - Sachsenring - Libere 3

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top