Sport

pubblicato il 30 giugno 2011

Moto3 2012: arriva il motore Oral.M3

Pronto per essere montato nella ciclistica Aprilia 125 GP

Moto3 2012: arriva il motore Oral.M3
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Motore Oral Engineering M3 Moto3 - anteprima 1
  • Motore Oral Engineering M3 Moto3 - anteprima 2

Iniziano a delinearsi con toni sempre più definiti gli scenari della futura Classe di accesso al Motomondiale: la Moto3.
Dopo la presentazione ufficiale della Honda NSF250R, e dopo la dichiarazione di intenti di KTM e Kalex, ci eravamo domandati quale potrà essere la posizione dell’Aprilia in questo scenario futuro.
Al momento da Noale non trapela nessuna informazione, ma è oltremodo evidente che in attesa di vedere se le 125 di Noale avranno un’erede a quattro tempi, qualcuno non è stato certamente con le mani in mano.

QUAL E’ LA MIGLIOR 125 GP?
Qualunque pilota, di fronte a questa domanda, risponderà senza pensarci su, che la miglior ottavo di litro degli ultimi 10/15 anni è innegabilmente l’Aprilia, declinata nelle sue versioni RSV ed RSA.
La moto veneta, oltre ad essere la migliore del lotto, è anche la 125 GP più diffusa in circolazione, e sarebbe davvero un peccato che tutto questo "patrimonio" motociclistico, andasse perduto.
Ed ecco arrivare in soccorso delle squadre che potrebbero rimanere "orfane di motori" nientemeno che la Oral Engineering.
A Modena, infatti, la conosciuta azienda di progettazione Emiliana ha messo in cantiere il progetto di un motore monocilindrico da 250 cc, pronto per essere installato nel telaio Aprilia RSV.

Non sono ancora note le informazioni tecniche su questo motore, e l’unico dato trapelato è che il suo peso dovrebbe essere contenuto in circa 24 kg.
Nei piani dei progettisti c’è la possibilità di offrire ai Team che già corrono con Aprilia di riutilizzare al meglio i ricambi già in loro possesso (si vocifera che gli ingranaggi del cambio saranno intercambiabili con gli attuali), ma anche i dati acquisiti in anni di gare visto che questo motore dovrebbe rispettare ingombri e peso dell’attuale due tempi e quindi consentire di mantenere anche l’equilibrio originario della ciclistica.
Si mormora anche che, per i team che corrono con la RSA, l’ultima evoluzione di Aprilia, è allo studio un forcellone "rovesciato" per adattare il tiro catena sul lato destro.

Per il momento esistono solo le immagini che vi mostriamo in questa pagina, ma sicuramente già durante la prossima gara al Mugello, i Team interessati al progetto riceveranno maggiori informazioni in materia, e quindi anche noi potremo tornare sull’argomento con più precisione.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , curiosità , gare , tecnologia , autodromi , anticipazione , moto3


Top