Sport

pubblicato il 16 giugno 2011

Honda Cup 2011: tappa di Vallelunga

Giornata bollente e vittoria per Pratichizzo (CBR600RR Cup), Zerbo (Hornet Cup) e Vidoli (CBR600F Cup)

Honda Cup 2011: tappa di Vallelunga
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda Cup 2011: tappa di Vallelunga 2 - anteprima 1
  • Honda Cup 2011: tappa di Vallelunga 2 - anteprima 2
  • Honda Cup 2011: tappa di Vallelunga 2 - anteprima 3
  • Honda Cup 2011: tappa di Vallelunga 2 - anteprima 4
  • Honda Cup 2011: tappa di Vallelunga 2 - anteprima 5
  • Honda Cup 2011: tappa di Vallelunga 2 - anteprima 6

Un week-end, quello di Vallelunga, dove il meteo incerto ha caratterizzato la giornata del sabato, mentre per la domenica il caldo ha messo in crisi il grip degli pneumatici. Questo è stato il fine settimana dell’11 e 12 giugno, dove a vincere le rispettive categorie sono Pratichizzo nella CBR600RR Cup, Zerbo nella Hornet Cup e Vidoli nella CBR600F Cup.

CBR600CUP: PRATICHIZZO SU ZERBO
E’ subito Diego Giugovaz a scappare, prendendo un vantaggio di 2 secondi e portando a casa il giro veloce, peccato che un problema tecnico abbia fermato i suoi passi sul primo gradino del podio. Il duello per la vittoria è tra due piloti che si danno battaglia per i dieci giri: Prattichizzo e Zerbo. A vincere è però il primo, in voltata, e con un distacco dal siciliano di appena 87 millesimi.
Fanno bene anche i più giovani e meno esperti Stirpe e Lagiongada, giovani alla ribalta per il terzo gradino del podio, tanto che sulla linea del traguardo appena 4 millesimi separano i due "Under 21". Terzo di questa speciale classifica è Manfredi, sesto assoluto sotto la bandiera a scacchi, battuto da Lorenzo Segoni, quinto al traguardo con 2 decimi di vantaggio sul giovanissimo avversario. Non male nemmeno Laviola, che con il settimo posto di Vallelunga si riprende dallo "zero" di Misano, mentre basta l’ottavo posto a Benini per confermarsi in testa alla classifica "under 21". Nono Schiavoni che riesce ad imporsi su Zenatello alle prese per tutto il weekend con una difficile messa a punto delle sospensioni.

HORNET CUP: ZERBO SHOW
Continua ad ottenere successi Sebastiano Zerbo che, anche a Vallelunga infila due gare da manuale a distanza di pochi minuti. Dopo il duello nella CBR600RR Cup parte come un fulmine nella Hornet Cup, ma va ancora meglio, perché conduce una gara in soltaria andando a chiudere con oltre 4 secondi sul più immediato inseguitore.
Alle sue spalle è lotta tra Emilio Di Lalla, Stefano Pacchiana ed Sebastian Galimberti con quest’ultimo che purtroppo scivola al quinto giro. Dei tre è Pacchiana a spuntarla dopo un acceso duello con Di Lalla che costa al pilota del Team TurboLento una scivolata che lo mette fuorigioco. Mauro Agazzi, terzo al traguardo, viene invece penalizzato e retrocesso al nono posto per taglio variante, manovra avvenuta in un punto insidioso del tracciato laziale.

Va quindi sul podio Stefano Pedrini, davanti a Bentivogli e a un giovanissimo… Del Vecchio, di soli 14 anni del Team Benty. Cresce la consistenza di Samuela De Nardi, sempre più affiatata con la sua Hornet: conclude settima dietro a Morosi ma davanti a Fontana. Chiude la top ten Del Deo, ultimo dei piloti a far registrare un miglior tempo personale inferiore al minuto e cinquanta secondi.

CBR600F CUP: VIDOLI E LA SUA ESPERIENZA
Nella CBR600F Cup è Emanuele Vidoli a vincere, dopo un bellissimo duello con Gollini. E proprio quest’ultimo a fare un errore alla fine, e a "concedere" la vittoria all’esperto Vidoli. Terzo ha concluso Del Piano, staccato di quasi venti secondi dai diretti avversari ma a lungo in lotta con un nugolo di agguerritissimi piloti in sella alle Hornet. Quarto posto per Stefano Fugardi, penalizzato da problemi ai freni che nella giornata delle qualifiche del sabato gli hanno causato una scivolata con un contatto sul pilota Senior Gelsomino Papa. Infine, promettenti miglioramenti per Liberati e Cavalli, entrambi in progressione rispetto ai tempi fatti registrare sempre a Vallelunga a inizio stagione.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top