Attualità e Mercato

pubblicato il 7 giugno 2011

Draghi-Matteoli, infuria la polemica

Tempi e costi per costruire le strade: botta e risposta fra il Governatore e il Ministro dei Trasporti

Draghi-Matteoli, infuria la polemica

Infuria la polemica fra il Governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, e il Ministro dei Trasporti, Altero Matteoli. Tutto è partito da una serie di considerazioni del Governatore: "L’Italia è indietro nella dotazione di infrastrutture rispetto agli altri principali Paesi europei, pur con una spesa pubblica che dagli anni Ottanta al 2008 è stata maggiore in rapporto al Prodotto interno lordo". Dopodiché, Draghi ha parlato di incertezza dei programmi, carenze nella valutazione dei progetti e nella selezione delle opere, frammentazione e sovrapposizione di competenze, inadeguatezza delle norme sull’affidamento dei lavori e sulle verifiche degli avanzamenti: risultato, "opere meno utili e più costose che altrove".

Valutazione negativa anche riguardo ai progetti finanziati dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, che "vengono eseguiti in tempi quasi doppi rispetto a quelli programmati, contro ritardi medi di un quarto in Europa, e i costi eccedono i preventivi del 40%, contro il 20% nel resto d’Europa". Problemi "solo in parte giustificati dalle diverse condizioni orografiche".

Infine, giù numeri pesanti. Stando al Governatore, è stato completato poco più del 60% degli ampliamenti concordati nel 1997 tra l'Anas e la principale concessionaria autostradale, e meno del 30% di quelli decisi nel programma del 2004. I fondi strutturali comunitari attualmente a nostra disposizione sono stati spesi solo per il 15%: quelli non spesi ammontano a 23 miliardi".

Al che, è arrivata la risposta piccata del ministro Matteoli: "Il maggior costo rispetto ad altri Paesi? È dovuto anche alle numerose opere di compensazione che dobbiamo fare in ogni Comune e incidono sul costo finale dell'opera". Non solo: "C’è il problema della geografia. E sulla necessità di velocizzare la realizzazione delle opere, abbiamo cambiato il codice degli appalti e il regolamento per accelerare". Ma la stoccata finale è particolare: "Se Draghi ha qualche suggerimento, ce lo faccia sapere":

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , strada , sicurezza , trasporti


Top