Sport

pubblicato il 7 giugno 2011

Superbike 2011: Alex Polita a Misano

Wildcard sulla Ducati 1198 RS del Barni Racing Team

Superbike 2011: Alex Polita a Misano

Il Mondiale Superbike torna in Italia per il San Marino Round che si disputerà il weekend del 10-12 giugno al Misano World Circuit, ad appena un mese dal GP d’Italia in quel di Monza. In occasione della tappa romagnola del circus delle derivate di serie, Alex Polita torna nel Mondiale SBK, due anni dopo l'ultima partecipazione, e lo fa da wildcard con la Ducati 1198 RS del Barni Racing Team in sella alla quale dalla scorsa stagione affronta il CIV Superbike.

Il Circuito di Santa Monica è un tracciato amico per il pilota di Jesi, visto che proprio qui lo scorso settembre gli ha conquistato il titolo italiano Superbike. Ma non solo, perché Misano è stato il teatro negli anni passati di grandi sfide e tante vittorie, come quella del 2008 nella Superstock 1000, la sua ultima in una competizione mondiale.
Un appuntamento importante e tanto desiderato dal Campione Italiano Superbike in carica che cercherà di mettere in mostra ancora una volta a livello internazionale il suo talento. Alex ha conquistato nella categoria Superstock 1000 il titolo iridato nel 2006 e il terzo posto assoluto nel 2008. Ora rivà alla ricerca di quell'occasione in Superbike trovata nel 2009 e velocemente sfuggitagli dalle mani a ridosso del via della stagione.

Alex Polita: "Aspetto questa occasione da tempo, da quando nel 2009 per una serie di sfortunate coincidenze mi sono trovato senza una moto poco prima del via della stagione. In questi anni ho cercato di tenere sempre viva dentro di me la determinazione e la voglia di potermi giocare questa chance. Purtroppo dall'ultima gara del CIV – continua Polita – non abbiamo svolto test di preparazione, ma su una pista amica come quella di Misano credo di non fare troppa fatica a prendere quel ritmo che per vari motivi non sarà facile sostenere da subito: i turni del mondiale in termini di tempo sono molto più lunghi di quelli del CIV e mentre nell'italiano io e pochi altri siamo il riferimento cronometrico, nel mondiale i distacchi sono molto ridotti e ti spingono continuamente a migliorare superando il tuo limite. Spero in delle buone gare e perché no in un'impresa se fosse bagnato: sull'acqua la top 5 non sarebbe impossibile, con le condizioni ideali, invece, arrivare nei primi dieci sarebbe una vittoria. Non mi illudo e soprattutto non voglio illudere, di sicuro non sarà facile ma darò tutto quello che ho e tireremo le somme dopo gara 2".

Autore: Redazione

Tag: Sport , 1000 , pista , superbike , gare , piloti


Top