Attualità e Mercato

pubblicato il 30 maggio 2011

Guard-rail ghigliottina? Mettiamoci la gomma

È la proposta di un parlamentare

Guard-rail ghigliottina? Mettiamoci la gomma

Non ci interessa né da quale parlamentare arrivi la proposta né la parte politica che rappresenta (per la cronaca, Sergio Divina, senatore della Lega Nord), ma ci interessa che il gravissimo problema dei guard-rail killer venga portato in evidenza in Parlamento.

Stando a quel politico, "i guard-rail sono autentiche ghigliottine per i motociclisti in caso di cadute accidentali": di qui, un’interrogazione parlamentare al ministro dei Trasporti Altero Matteoli, con due proposte precise. Primo, applicare, sotto i guard-rail, prodotti in materiale gommoso termo-modellato. Per impedire ai motociclisti di scivolare sotto il guard-rail e di impattare contro i montanti. Secondo, aggiungere ai guard-rail strutture di protezione, paracolpi ("paracadute"), in modo che i tornanti e i tratti di strada più pericolosi possano essere percorsi nella massima sicurezza. Difficile dire se questa sia la soluzione adatta. A ogni modo, è già importante che la questione guard-rail venga portata alla luce.

Nella stessa interrogazione, si segnalano incidenti lungo i tornanti montani in cui sono rimasti vittime motociclisti: ad aggravarne le lesioni, gli impatti contro queste barriere. Fra l’altro, lo stesso politico ricorda che la Cassazione ha messo in chiaro le responsabilità degli enti proprietari di tutte le strade: hanno il dovere di attivarsi
per eliminare ogni forma di pericolo. In caso di incidente, l’ente proprietario della strada sarà responsabile dei danni provocati dal guard-rail (sentenza 6537/2011).

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , sicurezza , codice della strada


Top