Sport

pubblicato il 29 maggio 2011

WSBK, Miller, Q1: Checa detta il passo

Il ducatista sembra fare un altro sport rispetto alla concorrenza

WSBK, Miller, Q1: Checa detta il passo

Al Miller Motorsports Park si passa dalle prove libere alle qualifiche ma il copione rimane sempre lo stesso, con Carlos Checa in fuga e gli altri che possono vedere solo il codone della sua Ducati 1198 del team Althea. Anzi, rispetto alle libere, nella prima sessione di prove ufficiali il leader del Mondiale Superbike ha addirittura incrementato il suo vantaggio, potendo anche approfittare di un turno filato via senza il minimo intoppo.

Lo spagnolo è stato ancora l'unico pilota capace di infrangere la barriera dell'1'49", riuscendo a fermare il cronometro su un tempo di 1'48"260 grazie al quale ha rifilato circa otto decimi all'Aprilia di un Leon Camier che sembra decisamente a suo agio sul tracciato dello Utah.

Terzo tempo per il campione del mondo in carica Max Biaggi, che però si ritrova a pagare oltre un secondo nei confronti del battistrada. Stupisce positivamente invece il quarto tempo della Kawasaki di Tom Sykes, che chiude davanti a Troy Corser e Jonathan Rea.

Spazio nella top ten anche per il tandem tutto tricolore composto da Michel Fabrizio e da Ayrton Badovini, rispettivamente nono e decimo. Il portacolori della BMW Motorrad Italia si è tolto anche la soddisfazione di riuscire a mettersi dietro la S1000RR ufficiale di un Leon Haslam decisamente in ombra con il 16esimo tempo.

Bisogna registrare la caduta di cui si è reso protagonista Sylvain Guintoli. Per il francese della Liberty Racing non sembrano esserci state conseguenze anche se, alla luce delle sue condizioni fisiche non ottimali, questo incidente non ci voleva proprio. A proposito di condizioni precarie, il rientrante James Toseland ha chiuso con il 18esimo tempo.

World Superbike - Miller Motorsports Park - Qualifica 1

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top