Epoca e Classiche

pubblicato il 23 maggio 2011

Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2011: vince la Pierce Four

Best of Show del concorso è la quadricilindrica americana degli anni dieci

Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2011: vince la Pierce Four
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Concorso d\'Eleganza Villa d\'Este 2011 - anteprima 1
  • Concorso d\'Eleganza Villa d\'Este 2011 - anteprima 2
  • Concorso d\'Eleganza Villa d\'Este 2011 - anteprima 3
  • Concorso d\'Eleganza Villa d\'Este 2011 - anteprima 4
  • Concorso d\'Eleganza Villa d\'Este 2011 - anteprima 5
  • Concorso d\'Eleganza Villa d\'Este 2011 - anteprima 6

Finalmente le moto irrompono al concorso d'eleganza di Villa d'Este. Sabato 21 maggio, nella splendida location di Villa Erba oltre alle splendide automobili oggetto dell'asta milionaria di RM Auctions, si è tenuto anche il primo concorso dedicato alle moto con 35 modelli divisi in 5 categorie più quella fuori concorso dedicata ai prototipi. La lista delle partecipanti la potete trovare nell’articolo che abbiamo pubblicato nei giorni scorsi, mentre eccoci qui oggi a raccontarvi dal vivo lo svolgersi del Concorso e a mostrarvi tutte le foto della splendida giornata che abbiamo passato a Villa d'Este

La giuria è di altissimo livello e variegata come tradizione dei concorsi di villa d'Este: Thomas Kohler, archeologo svizzero fruitore selle sue moto d'epoca che ha all'attivo diverse pubblicazioni sull'argomento; Carlo Perelli che descriveremo semplicemente come direttore di "Motociclismo d'Epoca". Inoltre Hugo Wilson, direttore di Classic Bike ed infine David Robb, statunitense designer delle moto BMW.

BEST IN SHOW E’ LA PIERCE FOUR
La discussione ed il confronto tra i giurati è stata molto profonda ed appassionata ed alla fine ha saputo premiare quelle moto che più si addicevano allo spirito del concorso di eleganza.
Per la categoria A (pionieri) il primo premio è andato alla Prince quadricilindrica di ben 101 anni. Si tratta di una moto conservata al 95%, di proprietà di un'appassionato svizzero. E' veramente un piacere poterla osservare nella sua originalità tanto che la giuria l'ha anche premiata con l'ambito riconoscimento del "Best in Show". E durante la premiazione il proprietario ha anche dimostrato come si accende... il faro ad acetilene!

Per la categoria B (classe e design 1920 / 1930) ha vinto la più originale tra le partecipanti: la MGC del 1932 (Francia), moto con telaio in alluminio.
Per la classe C (glamour) il primo premio è andato ad una impeccabile Brough Superior con sidecar.
La classe D (gare e record) è stata forse quella più combattuta... alla fine il terzetto delle pretendenti all'ambita corona erano la Guzzi 4 cilindri del 1954, la Britten V1000 del1993 e la pluricampionessa Guzzi 350 bialbero del 1957 che è risultata poi la vincitrice di classe.
Infine la classe E (icone del design) ha visto prevalere l'allora avveniristica Aermacchi Chimera rispetto a Motom 98T e Triumph X-75 Hurricane.

Il concorso è stato sicuramente all'altezza del più famoso concorso riservato alle automobili, e siamo certi che possa diventare una piacevole tradizione anche per gli anni a venire.

Autore: Sergio Cristiani

Tag: Epoca e Classiche , monocilindriche , bicilindriche , quadricilindriche , raduni , epoca , concept , vintage , record


Top