Sport

pubblicato il 18 maggio 2011

Honda Cup 2011: tappa di Misano Adriatico

Sotto il diluvio vincono Prattichizzo (CBR600RR Cup), Zerbo (Hornet Cup) e Vidoli (CBR600F Cup)

Honda Cup 2011: tappa di Misano Adriatico
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda Cup 2011: tappa di Misano Adriatico - anteprima 1
  • Honda Cup 2011: tappa di Misano Adriatico - anteprima 2
  • Honda Cup 2011: tappa di Misano Adriatico - anteprima 3
  • Honda Cup 2011: tappa di Misano Adriatico - anteprima 4
  • Honda Cup 2011: tappa di Misano Adriatico - anteprima 5
  • Honda Cup 2011: tappa di Misano Adriatico - anteprima 6

Dopo il primo appuntamento di Vallelunga per i Trofei Honda, lo scorso week-end, presso il circuito Santa Monica di Misano Adriatico, si è tenuto il secondo appuntamento. Dopo la giornata calda e afosa del sabato, dove i piloti hanno preso parte alle qualificazioni, la giornata di domenica ha visto la partecipazione di un ospite non molto desiderato: la pioggia. Questa ha reso il tracciato insidioso e talmente scivoloso che ha costretto i piloti ad equilibrismi per restare in piedi. Come sapete eravamo presenti con il Pit-Live Honda sul nostro sito cugino, OmniCorse.it, dove voi utenti avete potuto godere degli aggiornamenti dal vivo. Ma facciamo ora un sunto delle gare per vedere come sono andate.

CBR600RR CUP: PRATTICHIZZO ALLA VITTORIA
Quando la CBR600RR Cup ha inizio fortunatamente non piove, ma l’asfalto è comunque bagnato, tanto che i piloti montano le gomme rain. Davanti a tutti scatta Faccani, autore di una eccellente pole position come già avvenuto a Vallelunga all’avvio della stagione. Si mettono in grande evidenza i giovani a Misano, dato che è di Vargas la seconda casella della griglia in un contesto di grandissima competitività con ben 14 piloti in meno di un secondo! La partenza di Giugovaz dalla seconda fila è perfetta e sembra da subito candidato a salutare il gruppo ma al secondo giro cade e rompe leva e pedale del freno, ed una pedana. Eroicamente risale in sella e con una furibonda rimonta, frenando con il solo dito indice, conclude la gara al quarto posto. La vittoria va a Prattichizzo, quarto al via e autore di una brutta partenza ma anche di una gara condotta con autorevolezza. Stirpe e Vargas cadono mentre sono rispettivamente terzo e quarto, ma se il numero 22 riesce a concludere la gara, il numero 63 deve invece ritirarsi.

Bella la gara di Bracci, partito 23esimo e terzo al traguardo grazie a una condotta accorta ma sempre consistente. Praticamente inesistente il suo distacco da Zerbo, solo sette millesimi, con il pilota siciliano che chiude così secondo staccato in maniera evidente dal vittorioso Prattichizzo. Per gli Under 21 ottimo risultato di Schiavone che nella classifica riservata ai più giovani precede Benini, settimo assoluto, e Faccani, nono. Cortissima la classifica che vede i primi tre piloti racchiusi in soli tre punti: a Vallelunga l’11 e 12 giugno sarà nuovamente battaglia!

HORNET CUP: ZERBO SU TUTTI
Parte da una stratosferica pole position Zerbo nella Hornet Cup e, sceso come al solito dalla CBR600RR per saltare in sella alla pepata naked Honda, conduce dall’inizio alla fine una gara decisamente bagnata ma anche molto avvincente. In seconda posizione si alternano Bentivogli e Pacchiana ma sarà il titolare del team Benty ad avere la meglio chiudendo al secondo posto finale staccato di oltre 28 secondi dal vincitore. Terzo sul traguardo Fontana, risalito alla grande dall’undicesimo posto in griglia fino a salire sul podio.
Molto buona la gara di Samuela de Nardi, che alla seconda uscita stagionale sulla Hornet mostra di avere già un bel feeling con la naked Honda e si mette in evidenza per la sensibilità nella guida sul bagnato, che le vale il sesto posto finale. In classifica allunga Zerbo che con due vittorie tocca quota 50 punti mentre più ravvicinati tra loro lo inseguono Bentivogli, Pacchiana e Di Lalla.

CBR600F: LA PRIMA DI VIDOLI
Sempre primo nella gara della CBR600F, Vidoli al nono passaggio fa il suo miglior giro e con una condotta intelligente mette ben otto Hornet tra sé e il diretto inseguitore su CBR600F, il bravo e giovane Gollini che precede Fugardi. Quest’ultimo, dopo una caduta dove quasi si frattura un polso, risale in sella e senza timori di sorta si ributta nella mischia fino a salire sul podio della classifica dedicata alla sportiva Honda carenata. Tutti al traguardo, nonostante il tracciato insidioso, gli altri piloti della classifica separata, Del Piano, Cavalli e Liberati, che ora si preparano per il prossimo appuntamento di Vallelunga con l’intento di inserirsi nelle prime posizioni per rimescolare una classifica troppo "uguale"!
Appuntamento dunque presso l’Autodromo Piero Taruffi di Vallelunga l’11 e 12 giugno.

Autore: Redazione

Tag: Sport , quadricilindriche , 600 , supersport , pista , monomarca , gare , piloti


Top