Sport

pubblicato il 26 aprile 2011

MotoGP: riasfaltato Indianapolis per il Gran Premio

2,4 km nuovi per l'arrivo della MotoGP ad agosto

MotoGP: riasfaltato Indianapolis per il Gran Premio

Fin dal primo anno in cui la MotoGP è approdata sul tracciato statunitense di Indianapolis, numerose sono state le lamentele dei piloti impegnati in gara, rivolte alle condizioni dell’asfalto, davvero cattive per un tracciato che deve ospitare una competizione mondiale.

E’ per questo che la direzione dell’Indianapolis Motor Speedway, ha deciso di riassaltare parte del tracciato, che ospiterà il Red Bull Indianapolis Grand Prix dal 26 al 28 agosto.
Il progetto comprende la ripavimentazione di 2,4 km del circuito, in pratica tutto il tratto che va dalla curva 5 fino alla curva 16, e avrà inizio il 9 giugno per essere completato in tempo per l’arrivo del Campionato del Mondo a fine agosto.
Se guardiamo il disegno della pista, notiamo che, in pratica, è tutta la parte interna all’ovale ad essere interessata dalla ricopertura, mentre il tratto di pista che prevede il transito sul circuito di alta velocità, rimane inalterato. Le curve dalla 1 alla 4 non verranno toccate, in quanto esse vennero create proprio nel 2008, in occasione del primo GP di Indianapolis e di conseguenza non richiedono la riasfaltatura.

Il commento di Mel Harder, vice presidente senior IMS è stato: "Con questo progetto vogliamo rendere l’Indianapolis Motor Speedway uno dei migliori impianti dal mondo. Abbiamo avuto un inverno molto lungo e duro inverno quest'anno, e il gelo ha ulteriormente accentuato le buche e le crepe di questa parte più vecchia del tracciato. Abbiamo deciso di iniziare la riasfaltatura anche per via dei feedback ricevuti negli scorsi anni dai piloti della MotoGP."

Come testimone dell’America da corsa è stato scelto Nicky Hayden che ha commentato: "Sono contento di apprendere che la parte interna del tracciato di Indy sarà ripavimentata, perché il tracciato è davvero molto bello e sono sicuro che questi lavori lo renderanno ancora migliore e gradito a tutti i colleghi. Ciò dimostra anche la grande attenzione della IMS per i dettagli, che è il motivo del successo di questo impianto da oltre un secolo. Ho sempre amato questa pista, la sento la mia pista di casa e non vedo l’ora che arrivi agosto per tornare a Indy!"

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , motogp , gare , autodromi , piloti


Top