Special e Elaborazioni

pubblicato il 22 aprile 2011

Charlie Stockwell: Harley-Davidson Unorthodox

Quando il mondo custom si fonde con quello del racing

Charlie Stockwell: Harley-Davidson Unorthodox
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Harley-Davidson Unorthodox - anteprima 1
  • Harley-Davidson Unorthodox - anteprima 2
  • Harley-Davidson Unorthodox - anteprima 3
  • Harley-Davidson Unorthodox - anteprima 4
  • Harley-Davidson Unorthodox - anteprima 5
  • Harley-Davidson Unorthodox - anteprima 6

La personalizzazione della moto è un qualcosa che è insito in ogni motociclista. Se poi parliamo del mondo dei custom allora, possiamo raggiungere l’apice di questa espressione.
Ci sono delle custom che ricevono solo piccole "cure", mentre ce ne sono altre che vengono completamente stravolte, con modifiche estreme e che spesso e volentieri possono far diventare le moto al limite del guidabile.
E’ proprio di quest’ultima tipologia la moto che andiamo a presentarvi. E’ una creazione particolarmente lussuosa, su progetto del desiner Charlie Stockwell della HD Warr’s di Londra. HD Warr’s è un’officina specializzata in creazioni e elaborazioni su base Harley-Davidson, e che partecipa anche all’XR1200 British Trophy. Bisogna dire tra l’altro, che possono vantare il Titolo in quest’ultima categoria per il 2010, grazie al pilota ex MotoGP (Team KR e Aprilia nel 2004) e classe 500, Jeremy McWilliams.

LA UNORTHODOX
La special che andiamo a presentarvi è dunque uscita dalla concessionaria HD più vecchia di tutta Europa, ed è soprannominata Unorthodox. Completamente fatta a mano da Charlie, è da lui definita come un "cocktail mozzafiato di cromature e fibra di carbonio. Stile neo-vintage. Niente pelle o nappa su questa Harley".
La base è una Harley-Davisond Fat Boy, e le uniche cose che non sono state toccate sono il motore e il telaio. Il serbatoio dell'olio è stato rimosso da sotto al sedile e gli attacchi del telaio rivisti per ospitare una sella in fibra di carbonio bassissima da terra. Rivisto il serbatoio dell’olio, mentre l’impianto di scarico ora è sdoppiato, con un terminale sul lato destro e l’altro parallelo al forcellone in posizione rialzata. La forcella è una Ohlins di derivazione MotoGP, "tenuta" da delle piastre ricavate dal pieno. A "frenare" questo capolavoro ci pensano delle pinze Brembo Monoblocco.
Il propulsore, è elaborato con i pezzi HD Screamin’ Eagle ed ora è un 113ci (cubic inches), ed ha subito una riverniciatura in polvere nera.
La moto ha dei semimanubri della Performance Machine, ruote Metzeler e la trasmissione primaria è a vista. Non mancano i paramani Rizoma, e tante altri piccole chicche che rendono questa special unica.
La moto resterà nello showroom di Warr’s fino all’estate, quando il proprietario (beato lui!) la parcheggerà nel suo garage.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Special e Elaborazioni , chopper , tuning


Top