Sport

pubblicato il 19 aprile 2011

FIM e-Power 2011: Prima gara a Brannetti

L'italiano porta la sua CRP sul podio a Magny Cours

FIM e-Power 2011: Prima gara a Brannetti
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • FIM e-Power 2011 - Prima gara a Magny Cours - anteprima 1
  • FIM e-Power 2011 - Prima gara a Magny Cours - anteprima 2
  • FIM e-Power 2011 - Prima gara a Magny Cours - anteprima 3
  • FIM e-Power 2011 - Prima gara a Magny Cours - anteprima 4
  • FIM e-Power 2011 - Prima gara a Magny Cours - anteprima 5
  • FIM e-Power 2011 - Prima gara a Magny Cours - anteprima 6

Lo scorso weekend ha visto il tracciato francese di Magny Cours farsi teatro dell’annuale appuntamento con la 24 Ore del Bol d’Or, che ha visto trionfare ancora una volta la Suzuki GSX-R 1000 del Team SERT.
A contorno della storica ventiquattr’ore francese si è corso il primo appuntamento con il FIM e-Power International Championship, campionato dedicato alle moto elettriche che la Federazione Internazionale ha voluto contrapporre al TTXGP.

Salgono le prestazioni delle moto iscritte al campionato ma, sfortunatamente, calano le iscrizioni. Alla prima gara dell’e-Power, infatti, erano solo tre le moto in gara: la eCRP 1.4 condotta da Alessandro Brannetti, la Munch TTE 1.2 di Mathias Himmelmann, e la new entry spagnola del Team LGN Marcelino Manzano.

MUNCH: IMBATTIBILE IN PROVA MA NON IN GARA
Durante le qualifiche, la Munch TTE 1.2, dimagrita di 10 kg rispetto alla scorsa stagione, si è imposta con tempi davvero interessanti. Himmelmann ha fatto segnare un ottimo 1'58.106, staccando di oltre tre secondi la CRP di Brannetti, che ha girato in 2'01.875. distante anni luce Marcelino Manzano: lo spagnolo ha girato in 2'29.250, lasciando capire fin da subito che non avrebbe lottato per la vittoria.

I pronostici sono stati sovvertiti però subito dopo la partenza, perché Alessandro Brannetti ha puntato sulla maggior agilità della sua CRP da 145 kg e 95 CV per prendere la prima posizione. Himmelmann ha provato a contrastare l’Italiano ma non c’è stato nulla da fare perché la tedesca Munch ha subito accusato un problema tecnico che ha imposto a Mathias di alzare drasticamente i tempi per raggiungere il traguardo in sicurezza.
Brannetti si involava così in solitaria verso il traguardo, concludendo i sei giri cronometrati in 13.34.794, staccando Himmelmann di ben 2 minuti e 34 s. Lontanissimo lo spagnolo che è giunto al traguardo con oltre 4 minuti di ritardo.

Il prossimo appuntamento con la FIM e-Power International Championship è fissato per il 15 maggio prossimo a Schleiz in Germania, con la speranza che la FIM riesca ad allettare qualche pilota in più per una categoria che si fa di anno in anno più interessante.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , pista , gare , piloti , moto elettriche


Top