Attualità e Mercato

pubblicato il 18 aprile 2011

Strade, siamo indietro

Solo 151 chilometri di nuove autostrade in nove anni

Strade, siamo indietro

Il confronto è impietoso. Prendi l’Italia e ti accorgi che in nove anni abbiamo costruito solo 151 chilometri di autostrade. Poi analizzi la Germania, e da quelle parti siamo sui 1.000 chilometri nello stesso lasso di tempo. I dati li ha appena forniti il 1° Rapporto sullo stato delle infrastrutture
in Italia di Unioncamere e Uniontrasporti. Non solo: in quarant’anni, 2.600 sono i chilometri di autostrade stesi nel nostro Paese, contro 7.000 in terra tedesca.

Fra l’altro, la situazione è triste anche per quanto riguarda le ferrovie: su 16.000 chilometri, 1.000 sono ad alta velocità da noi. Pochissimi. Al Sud poi c’è ancora troppa monorotaia. Perdipiù, i porti hanno collegamenti intermodali scarsi. E la Legge Obiettivo, che prevede molte infrastrutture? Andiamo male: solo 3 delle 18 opere "disegnate" sono state portate a termine.

Se a questo aggiungi che l’asfalto è sempre più costoso e che nelle città i Comuni tendono a procrastinare per quanto possibile le riparazioni delle strade (o a effettuarle con asfalto di bassa qualità), ne emerge un quadro desolante. A tutto svantaggio di chi si muove: si fa poco per rendere più confortevole il viaggio in moto o comunque lo spostamento breve in scooter. Né può consolare granché il fatto che le nostre aree di servizio, nel complesso, non siano state bocciate da una recente ricerca a livello europeo. In realtà, quel tipo di risultato dipende molto da quali aree vengono analizzate, e da quali criteri vengono utilizzati. Per intenderci, se ci si fosse limitati all’igiene dei bagni nelle aree di servizio del Meridione, i risultati sarebbero stati peggiori.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , trasporti


Top