Sport

pubblicato il 16 aprile 2011

WSBK, Assen, Q2: Rea ora è davanti a Smrz

23 millesimi in meno rispetto al ducatista

WSBK, Assen, Q2: Rea ora è davanti a Smrz

Alla vigilia aveva detto che l'obiettivo era provare a ripetere la doppietta di un anno fa e per ora alle parole ha fatto seguire i fatti: stiamo parlando chiaramente di Jonathan Rea, che nella Q2 di Assen ha portato davanti a tutti la sua Honda Ten Kate, confermando il grande feeling con il tracciato olandese. Del resto non potrebbe essere diversamente, visto che la factory della sua squadra è a pochi chilometri di distanza dalla questa pista, su cui il pilota britannico ha avuto più volte modo di provare la sua CBR1000RR.

Battere il tempo realizzato ieri da Smrz comunque non è stato facile, visto che il suo 1'36"035 ha limato di appena 23 millessimi la prestazione del pilota ceco, messosi in evidenza anche oggi con la seconda prestazione della sessione. Max Biaggi rimane in terza posizione ma, avendo girato su tempi più alti di mezzo secondo rispetto a ieri, il pilota dell'Aprilia ha dato la sensazione di aver lavorato soprattutto in funzione della gara.

Migliorano tutti invece nel trezetto composto dalle due BMW di Troy Corser e Leon Haslam e dall'Aprilia di Noriyuki Haga: i due portacolori della Casa tedesca si sono piazzati rispettivamente in quarta e sesta piazza, lasciando inserire tra di loro il giapponese. Scivolano indietro quindi Marco Melandri e Michel Fabrizio, entrambi incapaci di abbassare i loro tempi.

I due italiani sono rimasti comunque davanti al leader del mondiale Carlos Checa, che ha migliorato ma non abbastanza per fare meglio del nono tempo. Chiude la top ten la Honda di Ruben Xaus, ma accede in extremis alla Superpole anche Ayrton Badovini, sedicesimo con la sua BMW. Da segnalare la caduta, per fortuna senza conseguenze, del suo compagno Barry Veneman, 19esimo.

Autore: OmniCorse.it

Tag: Sport , superbike , piloti


Top