Attualità e Mercato

pubblicato il 13 aprile 2011

Custom Crome Europe: quattro moto italiane premiate

Si erano già viste al Verona Bike Expo 2011

Custom Crome Europe: quattro moto italiane premiate
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Custom Crome Europe 2011 - anteprima 1
  • Custom Crome Europe 2011 - anteprima 2
  • Custom Crome Europe 2011 - anteprima 3
  • Custom Crome Europe 2011 - anteprima 4

Sono ben quattro le moto, al top delle produzione italiana, che sono state premiate nella finale del Campionato Europeo Custom organizzato da uno dei principali produttori mondiali di componenti e accessori: Custom Crome. Quattro moto, che si erano già viste alla più importante fiera delle custom in Italia, il Motor Bike Expo di Veronafiere.
Questa non è altro che un’ulteriore conferma della qualità italiana, apprezzata da tutta la critica internazionale, giunta a Mainz, in Germania, per questo splendido concorso.
In sostanza è stata quasi una replica dell’anno passato. Già nel 2010 infatti, le moto del Bel Paese fecero incetta di premi (ed erano moto già viste in fiera nella città scaligera).

ABNORMAL CYCLES
Nel 2010 vinse nella classifica riservata alle variazioni in tema Harley-Davidson. Stiamo parlando di Samuele Reali di Abnormal Cycles con la sua FL48, che per questo 2011 ha trionfato con la sua Union in ben due categorie, la Jammer Old School Class, per le due ruote che rappresentano uno stile retrò, e in quella riservata alle modifiche su base H-D. Così il commento a caldo: "Che bello che è stato! L’esperienza più forte della mia vita, la più bella ricompensa per 5 mesi di lavoro ininterrotti, a 18 ore al giorno. Ho lavorato tanto per poter portare la Union al Motor Bike Expo", - continua Samuele – "il salone più importante d’Italia, l’occasione principale a livello nazionale per fare vedere a tutti una propria realizzazione. Poi c’è stato Mainz, col piacere di essere giudicati da tecnici qualificati che rispondono solo alla propria competenza, senza filtri né pregiudizi. Ai Bike Show si va proprio per farsi giudicare quindi devo ritenere che il mio prodotto sia piaciuto".
La Union nasce dall’abbinamento tra una rarissima Harley-Davidson U74 Flathead del 1942 ed un altrettanto unico Side Stoye del ’56 (un condensato di ricercatezze artigianali). Ora è in attesa dell’omologazione. "Spero di farcela per maggio perché alla Jesolo Bike Week vorrei venire in moto, proprio con la mia campionessa".

ASSO SPECIAL BIKE
Nella Categoria Innovazione, per quanto riguarda gli Special Awards assegnati dai rappresentanti delle industrie, il vincitore è stato Carlo "Sangue" Colombo, con una realizzazione piuttosto singolare, del marchio Asso Special Bike. "Sono stato invitato dopo che gli organizzatori della CC Europa avevano visto la mia Uno – nove – nove R a Verona, fresca di assemblaggio" – rivela Carlo –. "Il bike show era di autentico livello mondiale, erano presenti tutti i dealer, è stata una vetrina d’eccezione per la mia moto: i tecnici hanno infatti compreso che è un compromesso ideale tra creatività, elevatissimo contenuto tecnologico (eccedono alluminio, carbonio e titanio che tengono il peso, appunto, a quota 199, sotto la soglia cioè dei 2 quintali, n.d.r.), cura artigianale (solo motore e cambio sono prodotti da altre aziende) e soprattutto autentica fruibilità. La moto è piaciuta, tanto che sono stato invitato a partecipare al salone del lusso di Montecarlo: dovrò noleggiare un cravattino! A maggio sarò poi presente alla Jesolo Bike Week con 6 o 7 moto nuove".

BCC
Nel 2010 giunsero secondi all’esordio di questa kermesse internazionale, ma per questo 2011, Lorenzo e Donatella "Boccin", alias BCC, hanno gustato il sapore del successo. La "miss" si chiama Alice, ed è un raffinato chopper su base Panhead (intitolato alla dodicenne figlia della coppia), che ha vinto uno dei premi (un servizio sulla rivista) assegnati dalla stampa specializzata: quello dei francesi di Freeway Mag. "E’ stata un’esperienza diversa da quella del 2010" – racconta Donatella – "ancora più piacevole, grazie all’ospitalità ed alla professionalità degli organizzatori, al clima che si respira a Mainz ed alla possibilità di essere giudicati da osservatori esperti, competenti e imparziali. Il Motor Bike Expo ci porta fortuna" – prosegue Donatella – "Alice era esposta a Verona ed in Germania è stata ammirata al punto da essere premiata. Per noi è stato poi un onore essere premiati, su incarico di Freeway Mag, da un giornalista italiano come Giuseppe Roncen. Il riconoscimento è giunto inaspettato quindi ancora più gradito ma queste trasferte sono importanti perché ci offrono la possibilità di presentare i nostri prodotti in un contesto qualificatissimo. Alice è una moto "vera", con la quale si può circolare, frutto di una cura elevatissima: chi l’ha analizzata ha il merito di averlo compreso".

GARAGE 65
A Verona ha vinto la tappa italiana del mondiale costruttori AMD. E’ la Stargate, la moto del toscano Marco Cinquini, che ha lasciato a bocca aperta gli spettatori di Mainz. Questo però, non è purtroppo bastato a farla imporre nella classifica più importante e prestigiosa dell’evento, la Championship Class, una categoria riservata ai prototipi e alle fuoriserie senza limitazioni alcuna. Si sono dovuti "accontentare" di un secondo posto i ragazzi della Garage 65. "Anche quest’anno l’Italia è stata grande protagonista. Sono affermazioni che fanno bene all’ambiente, lo fanno crescere, lo professionalizzano e propongono nomi che si impongono sempre di più per la loro capacità". Appena tornato dalla manifestazione tedesca, il tempestoso costruttore versiliese ha dovuto fare i conti con la sua passione per il paracadute: "Un atterraggio non perfetto ma sto già abbreviando i tempi di convalescenza" racconta con una gamba bloccata e ingessata. "La Stargate è rientrata in officina per due o tre modifiche che mi sono venute in mente tornando dalla Germania. Spero di essere pronto per la Jesolo Bike Week, dove comunque Garage 65 sarà presente, certamente lo sarò per la finale mondiale di Sturgis". Sempre attento al fenomeno custom, Cinquini osserva che "la qualità elevata deve continuare ad essere il tratto distintivo della produzione italiana: dobbiamo far sognare gli appassionati, seguendo questa filosofia potremo essere vincenti".

Queste premiazioni sono un simbolo della qualità e dell’importanza del Motor Bike Expo, che va a imporsi e a confermarsi coma la più importante manifestazione del settore custom d’Europa e non solo, vista le altre concorrenti in concorso, provenienti da tutto il mondo. Intanto si è già fissata la data per l’evento 2012: dal 20 al 22 gennaio.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Attualità e Mercato , chopper , cruiser , tuning , special , curiosità , gare , concept , motor bike expo


Top