Attualità e Mercato

pubblicato il 8 aprile 2011

Slittano i nuovi pedaggi autostradali

Il presidente dell'Anas: "Non ci sono i tempi tecnici"

Slittano i nuovi pedaggi autostradali

Il 1° maggio 2011 sarebbe dovuta scattare l’introduzione dei pedaggi sulle autostrade e i raccordi autostradali in gestione diretta dell’Anas; sarebbe, perché il presidente del gestore delle rete di strade e autostrade di interesse nazionale, Pietro Ciucci, ha precisato che "non ci sono i
tempi tecnici per rispettare la scadenza del primo maggio". Comunque, non fatevi illusioni. In un prossimo futuro i rincari arriveranno. Cosa manca? Prima della materiale realizzazione degli impianti, serve il decreto del presidente del Consiglio dei ministri con le tratte e i criteri per i pedaggi: oltre alla rete da pedaggiare, devono essere indicati anche i criteri.

Il sistema di pedaggiamento riguarda centinaia di chilometri di autostrade: sarà con il sistema free flow (flusso libero, senza veri e propri caselli), con portali simil Tutor (rileva la velocità media e multa chi la supera). In questo caso, la finalità del Tutor è individuare le targhe e far pagare il pedaggio (con Telepass o carte a scalare), non sanzionare chi corre troppo.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , curiosità , codice della strada


Top