Sport

pubblicato il 30 marzo 2011

MotoGP, Jerez, Suzuki: il ritorno di Hopkins

John: "Voglio ripagare la fiducia della Suzuki"

MotoGP, Jerez, Suzuki: il ritorno di Hopkins
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Suzuki GSV-R 2011 - Alvaro Bautista - anteprima 1
  • Suzuki GSV-R 2011 - Alvaro Bautista - anteprima 2
  • Suzuki GSV-R 2011 - Alvaro Bautista - anteprima 3
  • Suzuki GSV-R 2011 - Alvaro Bautista - anteprima 4
  • Suzuki GSV-R 2011 - Alvaro Bautista - anteprima 5
  • Suzuki GSV-R 2011 - Alvaro Bautista - anteprima 6

Questo weekend la MotoGP torna in pista a Jerez de la Frontera e sulla griglia di partenza del GP di Spagna ci sarà un gradito ritorno: quello di John Hopkins. Il pilota americano è stato chiamato dalla Suzuki a sostituire l'infortunato Alvaro Bautista, uscito con il femore fratturato dal GP del Qatar. "Hopper" ha solo pochi chilometri in sella alla GSV-R alle spalle, avendo solo preso parte ad una serie di riprese commerciali a Losail, proprio alla vigilia del GP. Tuttavia, c'è da essere pronti a scommettere che farà tutto il possibile per mettersi in evidenza e sfruttare questa occasione dopo un paio d'anni di quasi anonimato.

"Mi spiace molto per quello che è successo ad Alvaro, soprattutto dopo i test invernali che erano andati molto bene, e gli auguro davvero di riprendersi del tutto e presto, cercavo l’opportunità di tornare su una moto MotoGP, ma non in queste circostanze" ha esordito l'ex pilota della Kawasaki. "Non mi faccio illusioni, questo sarà un fine settimana davvero duro per me, non salgo su una moto da GP da un paio di anni e non ho mai corso con le nuove gomme, se non per un filmato girato in Qatar un paio di settimane fa. So che sarà un gradino più in su delle moto con cui sto correndo di recente. Lo sviluppo della moto è proseguito negli ultimi tre anni, anche se quando sono salito in sella alla GSV-R a Losail mi è sembrata così familiare, ho avuto subito un buon feeling. Certo, si trattava di un passo diverso, era per un filmato, il passo di gara sarà tutt’altra cosa! Conosco molto bene il circuito di Jerez, per cui non avrò bisogno di imparare a conoscerlo e in più conosco molto bene anche il team, questo mi sarà molto utile".

"Ce la metterò davvero tutta per fare una buona gara e per non deludere nessuno, me compreso. Voglio dire un grande grazie a Suzuki e Rizla per avermi concesso quest’opportunità e intendo ripagare la fiducia che hanno avuto in me con una buona prestazione nel mio ritorno in MotoGP" ha concluso.

Autore: Redazione

Tag: Sport , motogp , piloti


Top