Sport

pubblicato il 21 marzo 2011

BMW Motorrad Italia Superbike Team: Test ad Aragon

Due giornate di test per la squadra italiana ad Alcaniz

BMW Motorrad Italia Superbike Team: Test  ad Aragon
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW Motorrad Italia Superbike Team - Test Aragon - anteprima 1
  • BMW Motorrad Italia Superbike Team - Test Aragon - anteprima 2
  • BMW Motorrad Italia Superbike Team - Test Aragon - anteprima 3
  • BMW Motorrad Italia Superbike Team - Test Aragon - anteprima 4
  • BMW Motorrad Italia Superbike Team - Test Aragon - anteprima 5
  • BMW Motorrad Italia Superbike Team - Test Aragon - anteprima 6

Il BMW Motorrad Italia Superbike team ha effettuato, il 17 e 18 marzo, due giorni di test sul circuito di Motorland Aragon (Spagna) per proseguire la messa a punto della S 1000 RR con la quale partecipa al Campionato Mondiale che disputerà la seconda prova domenica 27 marzo sul circuito inglese di Donington.
Dopo aver conquistato i primi punti iridati, la squadra italiana ha svolto sul circuito spagnolo, sconosciuto ad ambedue i piloti, James Toseland e Ayrton Badovini, un intenso programma di sviluppo.

Purtroppo nel primo pomeriggio del secondo giorno di prove James è stato vittima di un highside all'uscita della curva dieci ed è finito a terra, picchiando violentemente il casco e il polso destro. Immediatamente soccorso è stato trasportato in ospedale a Alcaniz dove è stato sottoposto ai controlli sanitari che non hanno riscontrato problemi alla testa, ma solo una piccola frattura al radio. Rientrato immediatamente in Gran Bretagna, Toseland si è recato da uno specialista dell'Ospedale di Manchester che, dopo aver riscontrato un versamento, ha ritenuto, invece, di intervenire sul radio destro.

Ottimo risultato, invece, per Ayrton Badovini che ha girato a lungo, circa 100 giri, proseguendo il lavoro di sviluppo che sembra aver dato i risultati sperati. Ayrton ha dichiarato: "Sono molto soddisfatto dei test, abbiamo provato delle nuove soluzioni che hanno migliorato il feeling con la moto, le nuove geometrie rendono la moto più reattiva alle modifiche ed io riesco a gestirla meglio. Inoltre, ed è per me molto importante, il Team si sta amalgamando, con l'ingegnere ed i tecnici ci capiamo al volo. Mi dispiace per l'incidente di James, gli auguro di rimettersi subito e di ritornare al più presto possibile, anche perchè è molto importante per noi il suo lavoro e la sua presenza!"

Insieme ai piloti della Superbike hanno girato anche quelli della squadra Superstock, Lorenzo Zanetti e Sylvain Barrier che hanno lavorato a lungo, girando su tempi molto soddisfacenti, inferiori a quelli realizzati dai piloti che avevano effettuato su questo circuito i test nello scorso novembre.
Serafino Foti, direttore sportivo del BMW Motorrad Italia Superbike team ha dichiarato: "L'incidente di James ha rovinato due giorni di test che stavano dando ottimi risultati. Purtroppo Toseland non potrà partecipare alla gara di Donington ma spero che possa rientrare ad Assen, pista che a lui piace molto. Ayrton è andato molto bene, girando molto forte e alla fine siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto dopo questa prova. Per quanto riguarda i piloti della Superstock, Lorenzo e Sylvain hanno lavorato moltissimo, girando praticamente con gli stessi tempi che sono stati molto incoraggianti rispetto a quelli realizzati dai principali competitor della categoria".

Autore: Redazione

Tag: Sport , 1000 , superbike , gare , piloti


Top