Sport

pubblicato il 20 marzo 2011

MotoGP 2011, Qatar: Stoner vince e convince

L'australiano pare giocarsela con Lorenzo e Pedrosa, poi cambia marcia e domina

MotoGP 2011, Qatar: Stoner vince e convince

Casey Stoner, il dominatore di tutti i test invernali da quando è salito sulla Honda ufficiale, ha vinto anche il Gran Premio inaugurale della stagione centrando in più la pole position e il giro veloce.

L’'australiano, in passato capace di far volare anche l’'ostica Ducati, dopo aver lasciato sfogare il suo compagno di squadra Dani Pedrosa (autore al solito di una partenza bruciante), ha messo il turbo e poi ha controllato con mestiere. Oggi è impossibile dire che Stoner vincerà tutte le corse che restano, però è sicuro che abbia iniziato il suo rapporto con la Honda in maniera imperiosa.

Alle sue spalle il campione del mondo in carica, Jorge Lorenzo, ha mostrato il carattere ben noto e anche la sua capacità di rendere al massimo nella seconda parte del Gp. Prima ha raggiunto Pedrosa, poi lo ha passato e quindi fiaccato, chiarendo che per la lotta iridata bisognerà fare i conti con lui e con la sua Yamaha.

Meno bene è andata al suo compagno di team, l’'atteso Ben Spies, che, dopo le promesse della vigilia, si è complicato la vita con una pessima partenza. La sua risalita è stata però all’'altezza, esaltata da uno splendido duello con Valentino Rossi, poi passato di forza. Il sesto posto finale per Spies è un po'’ bugiardo: aveva, infatti, un passo vicino a quello dei primi.

Dovizioso e Simoncelli hanno animato le immediate posizioni di rincalzo, prima meglio Super Sic poi il finale di Andrea è stato in crescendo, con il suo miglior giro proprio nella tornata finale quando ha dato l'’impressione di poter raggiungere Pedrosa in una gara che le Honda hanno complessivamente dominato in largo e in lungo.

Valentino Rossi ce l'ha messa tutta, mescolando coraggio e mestiere, superandosi con una partenza degna della fama del campionissimo. Il suo non è stato un brutto Gp e il distacco finale è stato contenuto, meglio di quanto si potesse prevedere dopo le prove. Ma un settimo posto non è quello che si attende da lui. In realtà, la Ducati continua a confermarsi una bestia indomabile per tutti quelli che non si chiamano Stoner, e anche su una pista tradizionalmente amica delle moto bolognesi, l’'apprendistato si preannuncia lungo e difficile anche per un campione del calibro di Valentino.

Partenza
Scatta al solito Pedrosa davanti a Stoner e Lorenzo. Cade subito De Puniet. Lorenzo passa Stoner e poi anche Pedrosa, Dovizioso è quarto davanti a Simoncelli.
2. giro
Stoner passa prima Pedrosa e poi Stoner. Rossi è settimo dietro a Barbera,
3. giro
Pedrosa passa Lorenzo. Capirossi ai box con probemi a una mano.
4. giro
Sul traguardo Rossi scavalca Barbera, è sesto. Prima Dovizioso tenta un attacco davvero da brivido sull'erba a Lorenzo.
5. giro
Pedrosa attacca con insistenza Stoner.
6. giro
Pedrosa passa Stoner alla prima curva in staccata e poi dà subito l'impressione di scappare via. Spies si porta in scia a Rossi.
7. giro
Dovizioso perde terreno da Lorenzo. Spies è a ruota di Valentino.
8. giro
Simoncelli attacca di forza Dovizioso e lo passa.
9. giro
Edwards passa Barbera ed è ottavo. Stoner tenta un assalto a Pedrosa.
12. giro
Spies passa Rossi poi va largo e viene ripassato.
13. giro
Stoner passa di violenza Pedrosa e scappa via.
14. giro
Pedrosa rallenta e Lorenzo si fa sotto.
15. giro
Hayden risale in decima posizione. Lorenzo passa Pedrosa in apparente crisi.
16. giro
Spies passa con brivido Rossi.
17. giro
Dovizioso resta molto vicino a Simoncelli, Hayden risale in nona posizione.
18. giro
Pedrosa passa Lorenzo e Dovizioso passa Simoncelli. A fine giro Lorenzo torna secondo, ma Pedrosa a fine rettifilo torna davanti.
19. giro
Ripassa Lorenzo.
20. giro
Elias cade e pare molto dolorante. Lorenzo allunga su Pedrosa.
21. giro
Spies ha staccato nettamente Rossi e gira nei tempi di primi. Pedrosa si è fatto riprendere da Dovizioso.
23. giro
Vince Stoner.

Autore: Fulvio Cavicchi

Tag: Sport , motogp , piloti


Top