Curiosità

pubblicato il 3 marzo 2011

Scuola Motorally 2011: un gran successo

Tre giorni a Lajatico per imparare l'utilizzo del Road-Book

Scuola Motorally 2011: un gran successo
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Scuola Motorally 2011 - anteprima 1
  • Scuola Motorally 2011 - anteprima 2
  • Scuola Motorally 2011 - anteprima 3
  • Scuola Motorally 2011 - anteprima 4
  • Scuola Motorally 2011 - anteprima 5
  • Scuola Motorally 2011 - anteprima 6

Road-Book, questo strano sconosciuto che per i piloti di Motorally e Raid TT, è come leggere il tachimetro per uno stradista. Imparare a comprenderlo risulta abbastanza complicato, ed è per questo che la Scuola Federale Motorally ha deciso di proporre ai propri allievi un corso di tre giorni tra le colline toscane, alla scoperta della navigazione in fuoristrada. I partecipanti, ben sessanta, hanno avuto come insegnanti i migliori piloti italiani, e nel gruppo c’era anche il campione Andrea Bartolini. In quale gruppo? Quello degli allievi!

Il luogo dove si è svolto il corso è stato Lajatico, o meglio le colline intorno, dove si è tenuto il tradizionale appuntamento di inizio stagione organizzato dal Comitato Motorally FMI e dal Rally Managing Group. A dare ospitalità, l’Azienda Agrituristica "Il Colle", dove in questi tre giorni gli allievi hanno prima "studiato" la teoria, e poi sono passati alla pratica di guida e di navigazione.
A far parte dello staff, piloti come Andrea Mancini, Matteo Graziani, Paolo Ceci e Massimo Chiesa, dei veri specialisti con nella collezione privata una marea di coppe per le loro vittorie, e assistiti da Maurizio Milana (preparazioni atletica e alimentare), il dottor Gianfranco Bosco (nozioni di primo soccorso) e Michele Zamattia (meccanica). Successivamente alla teoria, ovviamente si è passati alla pratica, dove oltre a un fettucciato, non sono mancati i vari percorsi dove apprendere l’utilizzo del Road-Book (e del Trip Master).

Come accennato sopra, presente alla scuola era anche Andrea Bartolini, allievo d’eccezione, ma anche membro della Commissione Sviluppo Attività Sportive.
Nella giornata di domenica, si sono dedicati alla navigazione con un percorso di ben 103 Km, e sulle tracce di questi, ulteriori sessanta enduristi hanno preso parte alla Motocavalcata con road-book della Valdera, una manifestazione non competitiva.

Il coordinatore nazionale della disciplina, Antonio Assirelli, ha così commentato: "La Scuola Federale è stata un vero successo, con tanti partecipanti, un numero record, che hanno vissuto tre giornate veramente utili e piacevoli, sotto la guida dei migliori piloti italiani. Quello della Scuola è un meccanismo ormai collaudato e funzionante e ci auguriamo che molti degli allievi vengano a correre nel Campionato Italiano che partirà il 13 marzo a Rapolano Terme".

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Curiosità , enduro , cross , piloti , personaggi famosi


Top