Attualità e Mercato

pubblicato il 2 febbraio 2011

Tutor: anche sulle Autovie venete

Il Grande Fratello si estende

Tutor: anche sulle Autovie venete

È il notissimo sistema che calcola la velocità media in autostrada, e ti invia in automatico la multa a casa se sgarri: il Tutor. Di cui si sa però pochissimo: nei primi mesi di attivitù (inizio 2006) ha dimezzato la mortalità sui tratti dove opera (2.500 chilometri, cioè parte della rete di Autostrade per l’Italia; strade statali a breve). Gli incassi vanno direttamente allo Stato, ma nulla viene comunicato in merito. Di certo, adesso il Tutor viene esteso: dal 1° febbraio, sulla rete autostradale di Autovie Venete.

NUMEROSI CONTROLLI
Sono 16 le postazioni previste sull’A4, due sull’A28 e due sull’A23. Come sempre, il tratto controllato dal Grande Fratello va dai sei ai 36 chilometri. Le violazioni vengono accertate dalla Polizia Stradale: il sistema provvede alla compilazione e alla stampa del verbale, inoltrando in via informatica i dati per la procedura di notifica al proprietario del veicolo responsabile dell’infrazione. Sarà poi questi a comunicare (se c’è taglio di punti-patente) il nome del vero guidatore; in alternativa, pagherà una sanzione supplementare.

OLTRE 176 CHILOMETRI
In Friuli-Venezia Giulia il sistema coprirà oltre 176 chilometri di rete. Obiettivo, migliorare la sicurezza stradale di una delle principali aree interessate dai traffici turistici e commerciali lungo l’asse est-ovest dalla Slovenia e dall'Austria verso la Lombardia.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , sicurezza , codice della strada , trasporti


Top