Sport

pubblicato il 26 gennaio 2011

WSBK 2011: Portimao Test Day 1

Jacub Smrz beffa Jonny Rea sul finale. In grande evidenza la Kawasaki con Tom Sykes

WSBK 2011: Portimao Test Day 1
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK Test Portimao day 1 - Tempi e foto - anteprima 1
  • WSBK Test Portimao day 1 - Tempi e foto - anteprima 2
  • WSBK Test Portimao day 1 - Tempi e foto - anteprima 3
  • WSBK Test Portimao day 1 - Tempi e foto - anteprima 4
  • WSBK Test Portimao day 1 - Tempi e foto - anteprima 5
  • WSBK Test Portimao day 1 - Tempi e foto - anteprima 6

La prima giornata di prove collettive organizzate dalla Infront Motor Sports a Portimao si è appena conclusa e siamo già in grado di darvi i primi riscontri cronometrici.
Il primo turno di prove di stamane è stato comandato da , in formissima sulla sua Castrol Honda, davanti alla ducati del ceco Jakub Smrz sulla Ducati del team Effenbert - Liberty Racing. Buone le posizioni degli italiani Max Biaggi e Michel Fabrizio che hanno occupato la terza e quarta posizione provvisoria davanti alla sempre più positiva Kawasaki di Tom Sykes.
Nel turno del mattino è scivolato senza conseguenze Carlos Checa, che è ritornato alla carica nel pomeriggio spingendo la sua Ducati Althea Racing fino al secondo posto di giornata in scia a Rea.

NEL POMERIGGIO SMRZ SUONA LA CARICA
Jonathan Rea non si è accontentato di aver bastonato tutti al mattino, e nel pomeriggio ha abbassato ulteriormente il suo crono di altri tre decimi, per poi limare qualche altro millesimo nell’ultima mezz’ora. L’inglese ha cantato vittoria troppo presto però, perché mentre sventolava la bandiera a scacchi Jacub Smrz ha fermato il cronometro su un ottimo 1’43.503 sopravanzando Rea di 170 millesimi.
La prima ora di test pomeridiani è stata relativamente tranquilla, poi si è scatenato il girone dei sorpassi con Carlos Checa, balzato in poche tornate dal quindicesimo al secondo posto, mantenuto fino a pochi minuti dal termine quando gli scatenati Smrz, Laverty e Sykes gli strappavano il secondo posto.
Eugene Laverty è rimasto nell’ombra per quasi tutta la giornata, per piazzare il tempone quando mancava circa mezz’ora al termine, portando la sua Yamaha al terzo posto in classifica, e ritoccando il suo personale a tempo quasi scaduto.
Grande attenzione, però, va rivolta alla reale sorpresa della giornata. Non più tardi di due giorni addietro vi avevamo scritto che la Kawasaki ha preso davvero sul serio la stagione 2011, e la conferma è puntualmente arrivata oggi, con Tom Sykes in grande evidenza in tutti e due i turni, mostrando un passo elevatissimo che ha portato la debuttante ZX-10R fino al quarto posto finale di giornata. Anche Lascorz sulla seconda Kawasaki si è ben difeso, girando per tutta la giornata in tempi ottimi, e primo ad essere staccato di oltre un secondo dal battistrada.
Un po’ più indietro le Aprilia di Max Biaggi e Leon Camier che si sono classificate rispettivamente sesta e nona, mentre Noriyuki Haga al debutto sulla RSV4 sta facendo conoscenza con la superbike veneta e si è fermato a 1,3 secondi dalla vetta al dodicesimo posto.
In formissima Michel Fabrizio in sella all’unica Suzuki dello schieramento. Il romano ha atteso la fine del turno per lanciarsi in un giro veloce che lo ha portato a soli tre decimi dalla vetta, settimo, in scia all’Aprilia di Max Biaggi.
Le posizioni di rincalzo sono toccate alla BMW S1000RR di James Toseland, undicesima, e a Ruben Xaus che ha chiuso tredicesimo. Dietro di lui Maxime Berger, il dolorante Marco Melandri e un Ayrton Badovini da cui ci aspettavamo un guizzo in più.
Mentre la maggior parte dei Team sono impegnati a Portimao, il Team ufficiale BMW si trova a Philip Island per un test privato, di cui vi daremo notizia al più presto.

I TEMPI FINALI DELLA GIORNATA
Portimao - SUPERBIKE – Mercoledì

1 96 Smrz J CZE Ducati 1098R PIT IN 1'43.503 257,8 56
2 4 Rea J GBR Honda CBR1000RR PIT IN 1'43.676 0.173 56
3 58 Laverty E IRL Yamaha YZF R1 PIT IN 1'43.707 0.204 56
4 66 Sykes T GBR Kawasaki ZX-10R PIT IN 1'43.770 0.267 63
5 7 Checa C ESP Ducati 1098R PIT IN 1'43.789 0.286 46
6 3 Biaggi M ITA Aprilia RSV4 Factory PIT IN 1'43.840 0.337 46
7 84 Fabrizio M ITA Suzuki GSX-R1000 PIT IN 1'43.879 0.376 62
8 50 Guintoli S FRA Ducati 1098R PIT IN 1'44.369 0.866 247,1 55
9 2 Camier L GBR Aprilia RSV4 Factory PIT IN 1'44.446 0.943 66
10 17 Lascorz J ESP Kawasaki ZX-10R PIT IN 1'44.752 1.249 62
11 52 Toseland J GBR BMW S1000 RR PIT IN 1'44.764 1.261 49
12 41 Haga N JPN Aprilia RSV4 Factory PIT IN 1'44.857 1.354 58
13 111 Xaus R ESP Honda CBR1000RR PIT IN 1'44.885 1.382 58
14 121 Berger M FRA Ducati 1098R PIT IN 1'44.886 1.383 52
15 33 Melandri M ITA Yamaha YZF R1 PIT IN 1'45.461 1.958 44
16 86 Badovini A ITA BMW S1000 RR PIT IN 1'45.678 2.175


SUPERSPORT
La prima giornata di test per la Supersport ha visto un testa a testa Kawasaki/Honda, con David Salom, il neo acquisto del team Kawasaki Motocard.com, in gran forma sin da stamattina.
Lo spagnolo, durante il primo turno ha preceduto il compagno di squadra Broc Parkes e Luca Scassa che ha portato in pista la Yamaha R6 allestita in pochi giorni dal team ParkinGO. Alle spalle dell'italiano si era piazzato Chaz Davies con l'altra Yamaha ParkinGO, mentre la prima delle Honda è quinta con il portoghese Miguel Praia.
La seconda sessione ha portato dei notevoli miglioramenti nei tempi sul giro: ogni pilota è sceso mediamente di due secondi e la zampata finale della giornata l’ha piazzata l'inglese Sam Lowes (Parkalgar Honda) che è riuscito a sopravanzare David Salom di soli 86 millesimi. Terzo di giornata Broc Parkes che precede di un decimo Fabien Foret al rientro sulla Honda Ten Kate, a sua volta davanti Yamaha ParkinGO di Chaz Davies.
Migliore degli italiani è Luca Scassa con l'ottavo tempo in sella all'altra R6 ParkinGO, mentre Roberto Tamburini (Yamaha Bike Service) è sedicesimo davanti al compagno di squadra Luca Marconi.



Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , supersport , superbike , gare , autodromi , piloti


Top