Novità

pubblicato il 20 gennaio 2011

BMW G 650 GS: conferenza stampa LIVE

Semplice, ma accattivante come sempre

BMW G 650 GS: conferenza stampa LIVE
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW G650GS: conferenza stampa LIVE - anteprima 1
  • BMW G650GS: conferenza stampa LIVE - anteprima 2
  • BMW G650GS: conferenza stampa LIVE - anteprima 3
  • BMW G650GS: conferenza stampa LIVE - anteprima 4
  • BMW G650GS: conferenza stampa LIVE - anteprima 5
  • BMW G650GS: conferenza stampa LIVE - anteprima 6

Pesaro. Questa volta siamo a Pès're (in dialetto pesarese), una città che si divide tra mare, natura, arte e cultura. Una città ricca di storia e bella da vedere, un po’ come la moto che staremo provando mentre leggete questa. La piccola GS monocilindrica, infatti, ha dieci anni di storia senza considerare la versione ST, e sin dal suo primo modello, si è caratterizzata per una linea riconoscibile a metri e metri di distanza.

Saremo tra le curve dell’entroterra marchigiano, presso Urbino, per poi fare un tratto di offroad tra le colline di Fontecorniale, passando poi per Monteciccardo nella strada del rientro. Tutto questo, "trainati" da quel gran mito (e con alle spalle diverse Dakar) di Beppe Gualini, che non manca mai di far provare questo genere di moto anche su qualche sterrato, e che a inizio test solitamente così esordisce: "Lo sterrato, è una robetta facile eh, non vi preoccupate. Ricordatevi sempre di disinserire l’ABS, state in piedi sulle pedane e prudenza!". Poi puntualmente, ci si ritrova a consegnare la moto infangati almeno fino ai fianchi, e con i quadricipiti delle gambe che fanno male per la postura tipica dell’enduro, in piedi. Robetta facile… no?
Ma del resto, GS è anche sterrato, quindi come dargli torto? A breve vi diremo come se la cava questa monocilindrica.

BMW G 650 GS IN PILLOLE
La piccola GS è stata rinnovata nell’estetica, con nuove parti della carrozzeria e molti particolari di colore nero per renderla più "snella" alla vista. In particolare la parte anteriore è completamente rivista ed è più moderna. Cambia poi il motore, lo stesso che era montato sulle Xcountry, ora non più in produzione. Un motore affidabile e che sviluppa 48 CV e una coppia di 60 Nm.

LA CONFERENZA
Come da tradizione apre la conferenza Andrea Buzzoni, Direttore della divisione moto BMW Motorrad Italia: "GS è un prodotto ora ancora più completo, perché da oggi si partirà dal 650 monocilindrico fino ad arrivare al 1200 boxer. Proprio quest’ultima è la moto più venduta in Italia da tre anni. Nel 2010 abbiamo venduto 3.989 pezzi della normale, e ben 2.219 Adventure. Parliamo di poco più di 6.200 moto. Il segmento enduro è cresciuto, e del 40%. Un dato da non sottovalutare, in cui BMW è più che presente, e oggi, con la G 650 GS, ancor di più. Ma BMW è oramai in tutti i segmenti: enduro, come anticipato, tourer, il nostro "classico", e suspersportivo, dato che con la S 1000 RR siamo leader di mercato. Con questa G 650 GS vogliamo rientrare in una fascia di mercato in cui attualmente siamo scoperti, perché la precedente gamma G da 650 (Xcountry, Xchallange e Xmoto N.d.R.) non ci ha dato i risultati aspettati. BMW Motorrad desidera essere presente con una moto in tutte le fasce, ecco perché abbiamo introdotto nuovamente questa moto storica, che ha un ottimo prezzo".

Terminato il discorso di Andrea Buzzoni, la parola passa a Stefano Ronzoni, Direttore delle vendite moto BMW Motorrad Italia: "Il monocilindrico per noi è storia: dalla prima R39 del 1925, passando alle Dakar vinte nel ’99 e 2000 con la F650RR da Richard Sainct.
Questa moto che vi presentiamo oggi è una moto creata per i "motociclisti di ritorno", per coloro che iniziano e per l’utenza femminile. Il perché è presto detto, per la facilità di guida e per l’altezza della sella che è particolarmente bassa. Proprio perché si rivolge a chi inizia ad andare in moto e a chi ci "ritorna" dopo un lungo stop, abbiamo voluto una linea non troppo aggressiva, e dunque troviamo linee tondeggianti. E poi c’è un nuovo cruscotto, più moderno e di facile lettura.
Da non sottovalutare poi i consumi, nell’ordine dei 30 km/l. Saranno due le colorazioni, Aurawhite con sella nera e grigia, o sella nera e rossa, oppure Orange Red con la medesima scelta per le selle.
Abbiamo voluto fare poi un ulteriore sforzo; l’ABS è il medesimo delle serie F, ma costa 400 Euro, mentre sulle bicilindriche viene esattamente il doppio. Questo proprio per agevolarne la vendita e soprattutto, l’uso di questi."


La moto sarà disponibile nelle concessionarie dal 19 febbraio, ad un prezzo di 6.950 Euro chiavi in mano, primo tagliando incluso.
Ora non vi resta che pazientare poche ore per sapere come se la cava tra le curve questa simpatica e facile monocilindrica.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Novità , monocilindriche , enduro , test , turismo , fuoristrada


Top