Attualità e Mercato

pubblicato il 19 gennaio 2011

Pista in inverno, no problem!

Niente moto sui cavalletti, ci sono le prove libere all'estero!

Pista in inverno, no problem!
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Inverno in Moto: Andare in pista in spagna e portogallo - anteprima 1
  • Inverno in Moto: Andare in pista in spagna e portogallo - anteprima 2
  • Inverno in Moto: Andare in pista in spagna e portogallo - anteprima 3
  • Inverno in Moto: Andare in pista in spagna e portogallo - anteprima 4
  • Inverno in Moto: Andare in pista in spagna e portogallo - anteprima 5
  • Inverno in Moto: Andare in pista in spagna e portogallo - anteprima 6

Diciamo la verità, la moto in inverno non è proprio il massimo. Vi abbiamo illustrato nello Speciale Inverno cosa fare e cosa non fare, ma solitamente chi ha la supersportiva tende a tenerla più in garage che fuori. Il motivo è presto detto: con moto del genere serve aderenza, altrimenti tutto diventa complicato. I cavalli sono troppi e quindi il pneumatico posteriore fa quello che può per non perdere il grip in accelerazione, mentre la gomma anteriore fa del suo meglio per non bloccarsi nella fase di rallentamento. Della velocità in curva e di fidarsi dell’avantreno in ingresso curva, non ne parliamo proprio.
Poi con le supersportive non è che ci sia tutta sta protezione aerodinamica, se non alle alte velocità (non consentite sulle strade di tutti i giorni) e a patto che ci si "metta in carena", ovvero in posizione a uovo, quindi anche se non è come sulle naked, comunque si è investiti dal freddo. I paramani sulle sportive poi...
E bisogna dirlo, il motociclista da supersportiva è il tipo da giacca in pelle, guanti e stivali racing. La cordura spesso non sa nemmeno cosa sia, e i guanti imbottiti, non fanno "sentire" la moto.
Si può pensare di andare in pista, ma la situazione non cambia: freddo, spesso piove, l’asfalto non è caldo e dunque le gomme non offrono l’aderenza che vogliamo.
La soluzione però c’è. Ci sono delle società che organizzano turni di prove libere nei paesi più caldi, quali Spagna e Portogallo, e che pensano a tutto, trasferimento della vostra moto inclusa, basta solo… pagare.
Ne vale la pena? Perché no, in inverno molti mettono le moto sui cavalletti, e con quei soldi che normalmente dedicate alla settimana bianca, potete investirli… all’estero.

FAST RIDERS
Iniziamo da una delle più famose società sportive, Fast Riders. Questa società organizza prove libere e test moto in alcuni dei migliori circuiti europei, ed è famosa perché molti team e moltissimi privati si sono affidati alle loro mani. La società offre poi uno staff qualificato, e che accompagna i rider assistendoli in tutto e per tutto, perché si tratta pur sempre di una vacanza. Fast Rider pensa proprio a tutto, e non solo dunque all’evento: trasporto moto effettuato con i loro automezzi, noleggio moto, e a richiesta anche la sponsorizzazione personalizzata da parte di tutte quelle ditte o aziende che si affidano a loro in quanto li ritengono un ottimo veicolo pubblicitario. Naturalmente la società pensa anche al viaggio, all'hotel, ai trasferimenti, al noleggio di autovetture e tutto ciò di cui si ha bisogno. Ciliegina sulla torta, vengono organizzati anche Corsi di Guida personalizzati e collettivi, suddivisi in vari livelli di praticità.

Le prossime date per le prove libere prevedono Motorland di Aragon (Alcaniz), nei giorni 11-12-13 Febbraio 2011. Il giorno 11 è riservato ai soli piloti professionisti, mentre il 12 e il 13 sono aperti a tutti e suddivisi in tre gruppi omogenei, stabiliti dal trasponder.
I prezzi sono: 410 Euro per il sabato e la domenica (con posto box omaggio), mentre 350 Euro è il prezzo per la giornata del venerdì con ingresso libero.
Fast Riders non si ferma qui, perché volendo può offrire il pacchetto completo, sia per i piloti che per gli ospiti (o i meccanici). Il prezzo parte da 875 Euro per i piloti e da 155 Euro per gli ospiti, e include usufrutto della pista, posto nei box, trasporto moto, trasferimenti e hotel in b&b.

Un’altra alternativa è poi Valencia, presso il Circuito Riccardo Tormo. Le date sono il 19-20 febbraio 2011, e sono turni liberi e aperti a tutti, anch’essi suddivisi in 3 gruppi omogenei, stabiliti dal trasponder. I prezzi prevedono 410 Euro con posto box omaggio. Anche qui poi c’è la stessa soluzione di Aragon, il pacchetto completo offerto da 832 Euro per i piloti e da 92 Euro per gli ospiti e include pista, posto in box, trasporto moto, trasferimenti e hotel in b&b.
Occhi aperti poi, perché ci saranno altre date ancora da confermare presso i circuiti di Portimao e Jerez. Si avranno notizie entro febbraio e marzo.

ROSSO CORSA
Rosso Corsa nasce nei primi anni 90 come associazione sportiva con l’intento di operare nell’organizzazione di manifestazioni nel settore motociclistico con idee innovative.
In passato ha organizzato giornate di prove libere nei principali autodromi europei e ha sviluppato e realizzato per prima uno dei progetti più interessanti che si era prefissata: i corsi di guida sicura e sportiva. Da allora ne è passato di tempo per l’associazione, che ha organizzato alcuni trofei monomarca quali il Kawasaki Ninja Trophy 600, il Triumph Traxton Cup, la Triumph Speed Triple Cup, la Triumph Daytona 675 Cup e inoltre raduni quali Kawasaki Day e Michelin Day.
Per le prove libere Rosso Corsa ha scelto Valencia, Cartagena, Jerez e dal 2008 anche Portimao.

Le prossime date prevedono il 7-8-9 febbraio a Valencia, e il 14-15 febbraio a Cartagena. Rosso Corsa non prevede viaggio e pernottamento, anche se però ovviamente ha degli hotel convenzionati in loco.
Per la prima, Valencia, il costo di tre giornate è di 500 Euro, mentre per due giornate è di 400. L’orario in pista sarà continuato (dalle ore 10 alle ore 17), mentre naturalmente le prove saranno divise per diverse categorie. Ci sarà la possibilità di trasportare la moto, da Bologna e da Brescia, 320 Euro, e da Roma, 350 Euro.
Per i più esigenti, sarà possibile affittare i box, in esclusiva a 600 Euro e il "posto box" a 80 Euro, IVA compresa.
Per la seconda, Cartagena, il costo di due giornate è di 350 Euro, con orari in pista dalle 10 alle 14, e dalle 15 alle 18. Anche qui non manca la possibilità di affittare un box intero a 240 Euro, oppure il solo "posto box" a 50 Euro, IVA compresa.

M1RO SPORTEVENT
M1RO Sportevent, è una società che nasce dalla volontà dei propri soci e collaboratori, di investire nel settore degli Eventi Sportivi "motorizzati", e per mezzo del proprio staff offre servizi di prove libere moto, in Italia e all’Estero, per squadre corse ed amatori, nonché eventi legati al mondo dei motori.
Per le prove libere di moto M1RO offre anche corsi di guida con piloti ed ex piloti, trasporto moto in autodromo, noleggio termocoperte (dal 2009), noleggio abbigliamento (dal 2010), noleggio moto (dal 2010), meccanico, verifiche tecniche e addirittura telemetria e On Board Camera. Tutto questo, oltre ai normali servizi quali gomme, foto e ricambi.
Le prove libere all’estero sono organizzate a Rijeka, Le Luc, Alcaniz Aragon, Almeria e Cartagena.

I prossimi eventi si svolgeranno a Cartagena e a Alcaniz Aragon.
A Cartagena sarà il 19-20 febbraio (sabato e domenica) e addirittura il sabato sera sarà possibile girare in notturna! Le prove senza turni saranno sia per piloti che per amatori. Per due giorni di pista si richiedono 390 Euro, e il trasporto moto avviene tramite TIR Assicurato per un prezzo di 350 Euro. Per i turni notturni del sabato (dalle 20.00 alle 22.00) c’è una maggiorazione di 70 Euro. A richiesta poi, c’è la possibilità di usufruire del "Tour Completo", ovvero oltre alle 2 giornate di prove libere e al trasporto moto, è compresa anche la prenotazione del volo, l’hotel e l’auto a noleggio.
Ad Aragon invece sarà il 12 e 13 marzo (sabato e domenica), e con prove senza turni, sia per amatori che per piloti. Per due giorni si richiedono 390 Euro, e il trasporto con i TIR viene 300 Euro. Anche qui c’è il "Tour Completo".


Autore: Fabio Caliendo

Tag: Attualità e Mercato , pista , inverno in moto


Top