Novità

pubblicato il 18 gennaio 2011

FGR Midalu 2500 V6: dalla Repubblica Ceca con orgoglio

Una interessante nuda da 2500 cc per 240 cavalli

FGR Midalu 2500 V6: dalla Repubblica Ceca con orgoglio
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • FGR Midalu 2500 V6 - anteprima 1
  • FGR Midalu 2500 V6 - anteprima 2
  • FGR Midalu 2500 V6 - anteprima 3
  • FGR Midalu 2500 V6 - anteprima 4
  • FGR Midalu 2500 V6 - anteprima 5
  • FGR Midalu 2500 V6 - anteprima 6

La tecnologia Europea sta vivendo una nuova giovinezza, dopo tanti anni nei quali le proposte più innovative sono arrivate dal sol levante. Tra i tanti nuovi progetti che si sono visti negli ultimi mesi, come ad esempio la Horex VR6 uno ci ha colpito particolarmente ed è la mastodontica FGR Midalu 2500 V6. Si tratta di una nuda progettata in Repubblica Ceca dalla FGR, società già impegnata da alcuni anni nella costruzione di una 125 GP.

CON I FONDI MINISTERIALI
Il progetto della FGR 2500 V6 risale addirittura al 2004, quando Miroslav Felgr, titolare dell’azienda, decise di progettare la moto con la maggior cilindrata al mondo. Certo, sappiamo tutti benissimo che in America sono in vendita da anni dei mastodontici custom spinti da motori Chevrolet Small block, ma in effetti nessuno aveva mai progettato da zero un motore di questa cubatura appositamente per una motocicletta.
Il propulsore è stato progettato e realizzato tre anni addietro e il primo prototipo arrivò poco dopo. I fondi per finanziare questo progetto sono stati offerti dal Ministero dell’Industria e del Commercio della Repubblica Ceca che ha indetto un concorso per diventare progettisti della moto che ha visto partecipare 45 giovani ingegneri, dal quale è emerso vincitore Stanislav Hanus.

SEI CILINDRI A V FRONTEMARCIA
Il layout scelto dalla FGR per la Midalu è di costruire un sei cilindri a V di 90 gradi con la bancata anteriore che è dichiarata essere inclinata di 10° rispetto all’orizzontale. A noi sembrano decisamente più di 10°, anche perché con un layout "simil Ducati" questo motore avrebbe avuto un ingombro longitudinale pazzesco. Di per sé ci troviamo di fronte ad un "ordigno" meccanico imponente (270 kg il dichiarato) con misure di alesaggio e corsa di 90,0 x 66,0 mm per una cilindrata complessiva di 2.442 cc, distribuzione bialbero a camme in testa comandate a catena e raffreddamento a liquido.
Il regime massimo è limitato a 8.500 giri/min, al quale sono ben 240 i cavalli erogati dal sei cilindri ceco. Spaventoso il dato di coppia massima, indicato in oltre 200 Nm.
La ciclistica prevede un telaio a traliccio in acciaio con telaietto posteriore in fibra di carbonio e componentistica di pregio: forcella e ammortizzatore Öhlins, cerchi forgiati OZ, freni Brembo e un bellissimo forcellone in lega leggera ricavato dal pieno.
La FGR ha dichiarato di aver testato il prototipo della Midalu a fondo per tutto il 2010 e ora sta cercando un investitore per l’industrializzazione e, nel caso ci siano potenziali acquirenti, la produzione in piccola serie.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Novità , special , curiosità , concept


Top