Sport

pubblicato il 14 gennaio 2011

Dakar 2011: Undicesima tappa a Despres

Il francese prova a intimorire il leader di classifica

Dakar 2011: Undicesima tappa a Despres
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Dakar 2011: Tappa 11 - anteprima 1
  • Dakar 2011: Tappa 11 - anteprima 2
  • Dakar 2011: Tappa 11 - anteprima 3
  • Dakar 2011: Tappa 11 - anteprima 4
  • Dakar 2011: Tappa 11 - anteprima 5
  • Dakar 2011: Tappa 11 - anteprima 6

Sempre più vicina alla fine, questa trentatreesima edizione della Dakar 2011 è giunta oramai alla sua undicesima tappa. La gara doveva essere di ben 622 i Km di speciale, la più lunga per quest’anno, con uno stage con partenza da Chilecito per giungere a San Juan; 786 Km totali, ma la pioggia ha visto costretto gli organizzatori a ridurre lo stage a 530 Km totali, dove comunque i concorrenti sono partiti ai piedi delle Ande, guidando in un meraviglioso e suggestivo percorso formato da canyon, per poi approdare nuovamente sulla sabbia, dove ancora una volta sono venute a galla le doti di navigazione. Siamo dunque agli sgoccioli, ma questa speciale non ha cambiato molto le cose. Un peccato, perché un po’ di suspance nel finale fa sempre bene, anche se… il guaio meccanico dopo tutti questi chilometri, è sempre dietro l’angolo.

DESPRES: TENTAR NON NUOCE
A vincere questo stage è il campione in carica, Cyril Despres, che in questa undicesima tappa ha fatto "volare" la sua KTM del Team Red Bull chiudendo in 4 ore 33 minuti e 13 secondi, e recuperando un po’ di terreno su Marc Coma, secondo, a 2’11" dal francese. Cyril, partito dopo il catalano, ha sfruttato le tracce del rivale guadagnando terreno e mettendo una pezza sulla pessima tappa precedente. Oltre ai 2 minuti di distacco in fase di partenza, Despres è giunto alla fine della prima parte di speciale (224 Km) con un vantaggio sul Coma di ben 1’29", un buon tempo, ma non abbastanza da impensierire il rider del Team KTM MRW Rally Factory. Ripartiti per la seconda sezione, Despres ha lasciato il CP a 29" dal catalano, per poi raggiungerlo e superarlo a 30 Km dal traguardo. Terzo all’arrivo, il cileno Francisco "Chaleco" Lopez a 6’19", che ha perso la tappa a causa di una sbagliata lettura del road-book.
Quarto, con un ritardo di 7’44", il portoghese Helder Rodrigues sulla Yamaha dello storico Team Yamaha Racing France Ipone, mentre quinto è giunto il francese Alain Duclos, che insieme alla sua Aprila ha accusato un ritardo di 10’3". Alex Zanotti ha chiuso la giornata in 37° posizione.

DODICESIMA TAPPA: SAN JUAN–CORDOBA
Dodicesima tappa, ovvero, penultimo stage. Qui i rider dovranno stare molto attenti, visto che la stanchezza si fa sentire sia a livello fisico, che a livello meccanico per i mezzi. La tappa consisterà in un totale di 678 Km da San Juan a Cordoba, di cui 555 Km di speciale. I primi 100 Km vedranno protagonista la sabbia, per poi continuare su un terreno diverso, e meno sabbioso, in direzione Est. Con questa tappa si potrà quasi eleggere il vincitore, dato che l’ultima tappa avrà una speciale inferiore ai 200 Km, spazio però, in cui qualcosa può sempre cambiare.

LE DICHIARAZIONI
Cyril Despres: "Per avere successo, bisogna prima provare, e io ci sto provando. Sto facendo tutto il possibile, tutto quello che so. Va detto che è stata una speciale superba. Anche se il tempo non è stato bello, è stato un piacere guidare. Nel 2007, ho vinto due giorni prima della fine, e se non ho una speranza, è impossibile guidare a velocità del genere. Sono ancora speranzoso di poter attaccare. Con Marc, entrambi guidiamo delle KTM, ed è un vantaggio. Siamo abbastanza vicini, ma per il momento, nessuno può cantar vittoria. Ci sono ancora due giorni".

Francisco Lopez: "Oggi facevo fatica a guidare la moto con il pieno di benzina. Quando comincia a calare si guida perfettamente ed infatti mi stavo facendo sotto a Coma e Despres. Dopo il rifornimento è iniziata una zona molto tecnica e, vedendo che comunque non sarebbe cambiato molto, ho preferito rallentare il ritmo".
Alain Duclos:" Una tappa fantastica oggi, come terreni mi sembrava di essere nel mio Mali, c’era tanto da guidare tra la sabbia e la bassa vegetazione. Le regolazioni fatte ieri alle sospensioni sono state molto efficaci".

CLASSIFICA GENERALE
La classifica generale anche stavolta non subisce grossi cambiamenti, anzi, la situazione sembra essere piuttosto statica nella top10. Marc Coma è ancora primo, seguito dal suo principale rivale, il francese Cyril Despres a 15’59", e successivamente dal cileno Francisco "Chaleco" Lopez a 49’24", ormai rassegnato a concludere così.
Il quarto posto è saldamente nelle mani del portoghese Helder Rodrigues, che ha un ritardo di 1 ora 35’10", mentre quinto è Juan Pedrero Garcia, che con la tua KTM dell’MRW Rally Factory Team è a 2 ore 42’55" dallo spagnolo leader di classifica.
Nei Quad, conduce l’argentino Patronelli su Yamaha.

1, Marc Coma, Spain, KTM
2, Cyril Despres, France, KTM, at 15:59
3, Francisco "Chaleco" Lopez, Chile, Aprilia at 49:24
4, Helder Rodrigues, Portugal, Yamaha, 1:35:10
5, Juan Pedrero, Spain, KTM at 2:42:55
6, Pal Anders Ullevalseter, Norway, KTM, 2:57:95
7, Jean De Azevedo, Brasil, KTM at 03:24:31
8, Ruben Faria, Portugal, KTM, at 3:49:46
9, Quinn Alexis Cody, USA, Honda at 04:18:26
10, Henk Knuiman, Netherlands KTM at 4:23:56

Dakar 2011: Tappa 11

Dakar 2011: Tappa 11

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Sport , enduro , cross , gare , quad , fuoristrada , dakar , donne motocicliste , piloti


Top