Special e Elaborazioni

pubblicato il 10 gennaio 2011

Anvil Quattroemmezzo AJK

Una nuova Special minimalista dell'officina Milanese

Anvil Quattroemmezzo AJK
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Anvil Quattroemmezzo AJK - anteprima 1
  • Anvil Quattroemmezzo AJK - anteprima 2
  • Anvil Quattroemmezzo AJK - anteprima 3
  • Anvil Quattroemmezzo AJK - anteprima 4
  • Anvil Quattroemmezzo AJK - anteprima 5

L’officina Anvil Motociclette è un piccolo atelier meneghino dal quale escono interessanti Special, costruite secondo una filosofia che guarda con nostalgia al mondo delle moto degli anni settanta e ottanta.
L’idea alla base delle moto preparate dalla Anvil è quella di recuperare e restaurare moto vecchie, senza riportarle a nuovo ma lasciando in esse look e finiture vintage che si fondono in un aspetto che si posiziona a metà tra il trascurato e l’antichizzato.
I ragazzi della Anvil sostengono che il loro interesse è rivolto a quelle moto che tra gli anni settanta e ottanta hanno cambiato il volto al mondo del motociclismo.

QUATTROEMMEZZO AJK
Se quanto appena asserito è verissimo per la Honda CB750 Four che alla Anvil hanno ribattezzato Settemmezzo Selvatica, non possiamo dire altrettanto della CB 450 appena sfornata. Si tratta indubbiamente di una moto importante per la Honda, visto che è rimasta in listino per quasi vent’anni, ma sicuramente non ha lasciato segni tangibili della sua esistenza nel firmamento del motociclismo.
I ragazzi della Anvil la hanno fatta risorgere seguendo la strada della trasformazione minimalista, eliminando tutto il superfluo e tutte le suppellettili della moto originale.
Il serbatoio è stato sostituito con uno in alluminio, parzialmente verniciato in nero opaco, la cui restante parte è stata invece spazzolata e lucidata.
Tutto il resto dell’allestimento è all’insegna del nero opaco, dal telaio agli steli della forcella alle piastre di sterzo. La sella è stata sostituita con una artigianale dal look minimalista e sono stati adottati una coppia di semimanubri molto inclinati e stretti come si conviene ad una cafè racer. L’allestimento si completa con una coppia di faretti in perfetto look anni settanta e un po’ di forature qua e là sui componenti in alluminio e spazzolature sul motore.
A nostro avviso l’idea di fondo che ha portato alla costruzione della Quattroemmezzo AJK è interessante, anche se la realizzazione ci sembra ancora perfettibile. Come al solito, però, lasciamo la parola ai nostri lettori per i commenti.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Special e Elaborazioni , special , vintage


Top