Sport

pubblicato il 10 gennaio 2011

Dakar 2011: Chaleco's show nella settima tappa!

Il cileno e l'Aprilia finalmente conquistano una tappa

Dakar 2011: Chaleco's show nella settima tappa!
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Dakar 2011: Tappa 7 - anteprima 1
  • Dakar 2011: Tappa 7 - anteprima 2
  • Dakar 2011: Tappa 7 - anteprima 3
  • Dakar 2011: Tappa 7 - anteprima 4
  • Dakar 2011: Tappa 7 - anteprima 5
  • Dakar 2011: Tappa 7 - anteprima 6

La settima tappa della Dakar 2011 è il primo stage dopo la giornata di riposo del sabato. 237 Km di speciale, una tappa abbreviata, dal bivacco di Arica a Antofagasta.
Prima di passare alla tappa, parliamo delle pianificazioni di squadra. I tre in testa sono Marc Coma, Cyril Despres e Francisco "Chaleco" Lopez; i primi due su KTM, il terzo su Aprilia. Bene, al bivacco di Arica, KTM ha sostituito il secondo motore, mentre Aprilia solo uno fin’ora. Considerando che siamo a metà gara, e che su oltre 9.000 ne sono stati percorsi poco più di 4.000, cosa pensano di fare in KTM? Sostituire un ulteriore motore, significherebbe sottoporsi a 40 minuti di "tassazione" dalla direzione di gara, che corrisponderebbe a… perdere il Rally. Questo fa ben sperare il Team Giofil Aprilia, mentre in KTM si stanno mangiando i gomiti, mentre rimpiangono quel gran motore superaffidabile, l’LC4 690. Detto ciò, vediamo come è andata la tappa di ieri.

LOPEZ: "DEDICO LA MIA VITTORIA AL CILE!"
Ed ecco finalmente la vittoria di tappa per Francisco "Chaleco" Lopez. E’ sin dall’inizio che dice di voler vincere, soprattutto nella sua terra, quel Cile che tanto lo sostiene, ad ogni suo singolo centimetro percorso. "Chaleco" ci era già andato vicino, quando nella tappa di Iquique, Gonçalves gli ha soffiato la speciale. La sua Aprilia è la moto che si sta dimostrando più affidabile in assoluto, e con questa vittoria conferma il suo completo sviluppo. Questa è la sua quinta vittoria di speciale in una Dakar, e guarda caso proprio a Antofagasta, una città dove il pilota di Noale si è già guadagnato in passato la cittadinanza onoraria.
Che dovesse vincere questa tappa è stato chiaro già a metà speciale, quando a 176 Km dalla partenza aveva già più di 4 minuti di vantaggio sul leader di classifica Coma. Conclude così questa settima tappa con la vittoria in 3 ore 29 minuti e 25 secondi.

Secondo giunge così Cyril Despres con la sua KTM del Team Red Bull, a 2’21", mentre terzo è Marc Coma, con la sua KTM dell’MRW Rally Factory Team a 2’21". Ancora un buon risultato per Helder Rodrigues, dietro al catalano, che con la sua Yamaha dello Yamaha Racing France Ipone Red Bull Team giunge a Antofagasta con un ritardo di 9’14". In quinta posizione troviamo Ruben Faria, a 10’44".
Alex Zanotti riesce finalmente a mantenere una costanza di risultati. Con il 27° post di oggi è risalito fino alla quarantesima posizione, mentre Franco Picco è 58°.
Da segnalare diversi problemi tecnici. Il più grosso è quello dello statunitense Jonah Street, che può dire addio alle prime posizioni, visto che al CP3 (192 Km) è giunto con un ritardo di un’ora su quello che era l’attuale pilota più veloce, Coma, a causa di un guasto al motore.
Un altro grande pilota che oramai può salutare le prime trenta posizioni è il francese David Casteau. In questa tappa ha perso molto tempo a cercare di riparare la sua moto, e non è la prima volta. L’affidabilità per la Sherco in questa Dakar 2011, sembra un’utopia.

OTTOVA TAPPA: ANTOFAGASTA – COPIAPO
Siamo al nono giorno (considerando il giorno di riposo del sabato), ma all’ottava tappa. Parliamo di 776 Km, di cui 508 di speciale, dalla città di Antofagasta a Copiapo, che i piloti stanno percorrendo mentre leggete questa. La giornata sarà suddivisa in tre fasi, e se si sbaglia la navigazione all’inizio della speciale si rimane indietro. Si attraverserà un grossa parte del territorio cileno, dove i concorrenti percorreranno moltissime valli, ma soprattutto punti dove è facile perdersi, visto che non esistono molti punti di riferimento. I rider capaci di buona navigazione saranno dunque i più avvantaggiati. Alla fine della tappa poi, sarà la sabbia a mettere in difficoltà i piloti. E’ consigliato dunque finire la tappa con la luce… del sole!

LE DICHIARAZIONI
Francisco "Chaleco" Lopez: "La prima parte della tappa era velocissima ed ho impiegato un po’ di tempo per superare Svitko. Poi ho raggiunto Coma e abbiamo praticamente fatto la strada assieme, lui ha allungato un po’ nella parte finale dove c’era molto fech-fech. Le prossime due tre tappe saranno quelle decisive della Dakar, da parte mia cercherò il momento giusto per attaccare".

Cyril Despres: "Il giorno di riposo è stato una buona cosa per la moto e per i piloti. Oggi è stata una delle migliori giornate di gara in stile motocross di tutta la mia vita. Grazie David Castera, per un divertente esperienza di guida! Non solo si trattava di una bellissimo stage, ma è stato anche fantastico da guidare, davvero una gran giornata, anche in termini di risultati questa mattina, ci chiedevamo se saremmo stati soddisfatti con 272 km… ora la mia risposta è SI’".

Marc Coma: "E’ stata una tappa tecnica. C'era una parte dello stage puramente in stile motocross... bello, ma impegnativo, e ho sofferto nella prima parte, perché ero dietro a Ruben Faria, e mi è sempre arrivata un sacco di polvere da parte sua... tanta che è stato difficile anche passarlo. Ma nella parte finale, c’erano le dune di sabbia, e ho potuto guidare al mio ritmo".

Helder Rodrigues: "Ho dovuto aprire la strada i primi chilometri. Stava andando piuttosto bene. Dopo le dune di sabbia, Cyril Despres mi ha superato. Sono rimasto dietro di lui fino alla fine. Il mio obiettivo è un posto sul podio, o addirittura meglio. Ma sarà un obbiettivo duro. Chaleco è un pilota veloce e lui è giocare in casa".

CLASSIFICA GENERALE
A comandare nella generale è sempre Marc Coma con un tempo totale di 26 ore 13 minuti e 50 secondi . La situazione non cambia, anche dietro di lui, dove troviamo Cyril Despres, con una differenza di 7’24". Terzo è Francisco "Chaleco" Lopez, che lentamente guadagna terreno, a 18’27". In quarta e quinta posizione sono ancora una volta le medesime, con Helder Rodrigues a 33’04" e Ruben Faria a 40’53". Da segnalare il rientro nella top 10 di Pal Anders Ullevalseter.

1, Marc Coma, Spain, KTM, 26:13:50
2, Cyril Despres, Andorra, KTM, at 7:24
3, Francisco (Chaleco) Lopez, Chile, Aprilia, 18:27
4, Helder Rodrigues, Portugal, Yamaha, at 33:04
5, Ruben Faria, Portugal, KTM at 40:53
6, Frans Verhoeven, Belgio, BMW at 01:14:10
7, Juan Pedrero, Spain, KTM at 01:16:33
8, Stefan Svitko, Slovakia, KTM at 01:16:54
10, Pal Anders Ullevalseter, Norway, KTM at 01:37:23

Dakar 2011: tappa 7

Dakar 2011: tappa 7

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Sport , monocilindriche , enduro , cross , gare , fuoristrada , dakar , donne motocicliste , piloti


Top