Curiosità

pubblicato il 5 gennaio 2011

Spumante a tasso alcolico 0,0% by Winezero

Festeggiare... in sicurezza. Ma funzionerà?

Spumante a tasso alcolico 0,0% by Winezero

Uno spumante in lattina a tasso alcolico rigorosamente 0,0%. E' l'idea di due giovani imprenditori italiani - Massimiliano Bertolini (30) e Manuel Zanella (33) - che stanno portando avanti la rivoluzione anti-alcol chiamata Winezero, una bevanda dealcolizzata finora sul mercato in tre diverse varietà di vini (bianco, rosso e rosato). Sarà però questo spumante, "conquistare i giovani", dicono Bertolini e Zanella, che con la loro idea hanno convinto investitori del calibro di Ennio Doris e Renato Delle Valle. E se il nuovo Codice della Strada ha inasprito le sanzioni sulla guida in stato d'ebbrezza anche gli automobilisti diventano un target a cui Winezero si rivolge.

Sebbene infatti sia nato per conquistare qualsiasi categoria di consumatori (si tratta di un prodotto trasversale che non vuole essere un concorrente del vino tradizionale da cui è ottenuto tramite un processo di decostruzione, che riduce il livello dell'alcol residuo al solo 0,5%), nella versione dello spumante in lattina il tasso alcolico è stato ulteriormente ridotto per arrivare allo 0,0%. Un numero interessante, tenendo conto che con le sanzioni si parte da un minimo di 500 euro per il superamemento del mezzo grammo di alcol per litro di sangue - 155 euro per i neopatentati fra zero e 0,5 grammi -, con pesanti complicazioni anche sotto il profilo penale per chi oltrepassa altre fasce (0,8 e 1,5 grammi) e per chi causa incidenti, specie se con feriti e morti.

E l'obiettivo commerciale è ambizioso: riuscire a coprire entro fine anno 50 Paesi grazie ad un capillare network di distributori internazionali (Zeropenta Srl). Ma qui entrano in ballo gli scettici del gusto. La bevanda si propone come un'alternativa al pari di qualsiasi altro analcolico, pertanto il giudizio è soggettivo, ma il caso ricorda quello di Drive Bear, la birra dalla gradazione alcolica ridotta lanciata qualche anno fa dalla Terricane S.P.A. (azienda detentrice del marchio Birra Morena). In quel caso il successo di mercato non è stato eclatante, ma è pur vero che si trattava di un'autentica "birra da strada", la cui immagine è stata fin dall'inizio legata a quella del pilota di Formula 1 Giancarlo Fisichella.

Autore: Eleonora Lilli

Tag: Curiosità , sicurezza , codice della strada , personaggi famosi , alcol


Top