Abbigliamento

pubblicato il 30 dicembre 2010

Schuberth SR1

Comfort e sicurezza ai massimi livelli

Schuberth SR1
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Schuberth SR1 2011 - anteprima 1
  • Schuberth SR1 2011 - anteprima 2
  • Schuberth SR1 2011 - anteprima 3
  • Schuberth SR1 2011 - anteprima 4
  • Schuberth SR1 2011 - anteprima 5

Nel 2000 Michael Schumacher ancora non era il pluricampione che tutti conosciamo, così come la casa di caschi tedesca Schuberth non era poi così nota. In quell’anno cominciò la loro partnership ed il pilota tedesco iniziò ad inanellare vittorie avendo sempre in testa un casco, appositamente studiato, in fibra di carbonio marchiato appunto Schuberth. Negli anni Schumacher ha svolto l’importante ruolo di sviluppatore per la casa di caschi, aiutandoli a migliorare sempre di più i loro prodotti fino al 2006. Quando nel 2006, infatti, Schumacher, diede l’addio alla F1 per dedicarsi alle gare di moto, Schuberth subito ne approfittò per studiare un casco moderno, sicuro e leggero che, partendo dalle indicazioni del grande campione, potesse diventare un prodotto unico nell’affollato mercato dei caschi. Proprio da questa esperienza arriva lo Schuberth SR1.

Realizzato in fibra S.T.R.O.N.G., una speciale matrice di fibra di vetro rinforzata con duroplast, l'SR1 è disponibile in 3 taglie di calotta, dal peso di soli 1.295 grammi. Gli interni sono realizzati in Coolmax, materiale ipoallergennico ed antibatterico, completamente estraibile e lavabile. Inutile dire che essendo un casco studiato per le performance di alto livello, disponga di una chiusura a doppia D, di visiera antiappannamento ed antigraffio (disponibile anche in diverse gradazioni di colore), facilmente removibile con sistema di sgancio rapido.

Particolare importanza si è data al sistema di aerazione interna ed al contenimento della rumorosità, per garantire il massimo comfort possibile. Le tre prese d’aria frontali, due sulla fronte ed una sul mento, assieme ai due estrattori posteriori, consentono un ricambio di 10 litri d’aria al secondo ad una velocità di 100 Km/h; inoltre grazie alla possibilità di regolare la presa sul mento in tre diverse posizioni, si può facilmente regolare la quantità d’aria che arriva.

Anche lo spoiler posteriore, il D-Force Spoiler, è regolabile in due posizioni, per poter regolare al meglio la risposta del casco alle sollecitazioni del vento. Questo risultato è stato ottenuto attraverso attenti studi nella galleria del vento, che hanno anche portato ad ottimizzare l’acustica del casco che registra soli 88 dB a 100 km/h, riducendo così il fastidioso rumore di sottofondo che si subisce quando non si è "giù in carena". Inoltre si può regolare anche la rumorosità, tenendo aperte due apposite finestrelle si ha un maggior contatto sonoro con il mondo esterno, mentre chiudendole, solo le segnalazioni di emergenza verrano udite, lasciando fuori dallo Schuberth tutte le interferenze non gradite.

Schuberth SR1 è distribuito in Italia da Bergamaschi ed è disponibile in tre colorazioni: monocolore bianco opaco o nero lucido; con grafica Technology bianco lucido e nero opaco o con grafica Racing Line in bianco-grigio, nero-grigio o bianco-rosso e blu.
I prezzi, ancora non definitivi, sono rispettivamente di 599, 699 o 749 euro.

Autore: Redazione

Tag: Abbigliamento , caschi , sicurezza


Top