Accessori

pubblicato il 29 dicembre 2010

Sospensioni Bitubo per Yamaha TMax

Dallo specialista padovano la ricetta giusta per il TMax

Sospensioni Bitubo per Yamaha TMax
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Sospensioni Bitubo Yamaha TMax - anteprima 1
  • Sospensioni Bitubo Yamaha TMax - anteprima 2
  • Sospensioni Bitubo Yamaha TMax - anteprima 3
  • Sospensioni Bitubo Yamaha TMax - anteprima 4
  • Sospensioni Bitubo Yamaha TMax - anteprima 5

Uno degli scoter più venduti ed apprezzati dagli utenti delle strade cittadine, e non solo, è indubbiamente il potente Yamaha TMax, diventato così venduto e celebre grazie soprattutto alla sua potenza ed alle sue ottime doti ciclistiche; non poteva quindi mancare un set di evoluzioni per questo potente best seller da parte della Bitubo, storica marca italiana specializzata in sospensioni e ammortizzatori.
Nello specifico si volevano esaltare le già elevate prestazioni del TMax, senza stravolgerne l’essenza, motivo per cui sono stati sviluppati tre diversi kit.

KIT FORCELLA
Per quanto riguarda la forcella, la Bitubo ha sviluppato il kit denominato ABB09 che consiste in cartucce regolabili pressurizzate ad azoto che eliminano le problematiche derivanti dall’arrivo a fondocorsa della sospensione, per rendere così lo scooter più stabile e sicuro anche sfruttando tutta la potenza e velocità di cui dispone.
La regolazione può essere effettuata agendo sui "tappi" in ergal che vanno a sostituire quelli originali: si può così regolare a proprio piacere l’altezza dell’avantreno, per ottenere la massima personalizzazione a seconda del proprio stile di guida.
Qualora, invece, non si volesse sostituire tutto il comparto cartucce, sono disponibili anche solamente le molle, compatibili con le cartucce originali, per ottenere una risposta proporzionale al peso del conducente. Questo kit, denominato MF, è composto da molle in acciaio legato Cr-Si ed olio Silkolene a viscosità variabile, appositamente scelto per ottimizzare il lavoro delle molle.

AMMORTIZZATORE HZM11
Se invece fosse sulla parte posteriore del T-Max che si volesse lavorare, si può optare per l’ammortizzatore HZM11. Questo mono-ammortizzatore di concezione racing dispone di interasse variabile e può essere regolato in compressione, in estensione e nel precario molla.
L’aumento di prestazioni è facilmente percepibile così come l’aumento di "grado estetico" dello scooter, particolare non trascurabile per molti acquirenti di questo aggressivo due ruote nipponico.

Autore: Dioniso Manichetti

Tag: Accessori , scooter , tuning , accessori , parti speciali


Top