Curiosità

pubblicato il 27 dicembre 2010

Inverno in moto: I raduni al freddo e non...

Per gli irriducibili ci sono i classici raduni invernali

Inverno in moto: I raduni al freddo e non...
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Inverno in Moto: I raduni invernali - anteprima 1
  • Inverno in Moto: I raduni invernali - anteprima 2
  • Inverno in Moto: I raduni invernali - anteprima 3
  • Inverno in Moto: I raduni invernali - anteprima 4
  • Inverno in Moto: I raduni invernali - anteprima 5
  • Inverno in Moto: I raduni invernali - anteprima 6

Chiamateli appassionati, monomaniaci, esaltati, svitati o perfino pazzi, ma sono sempre di più i motociclisti che non si fanno fermare da niente al mondo pur di portare la propria moto ad un motoraduno invernale.
Si sa che gennaio non è esattamente il periodo migliore dell’anno per partecipare ad un motoraduno: solitamente, quando si parla di questo tipo di avvenimenti, si immaginano prati ricoperti di fiorellini e strade che si snodano per bellissimi paesaggi sotto un sole mite che invoglia ad aprire il giacchetta e a fermarsi a bordo strada a riposarsi sdraiati su un prato, ma non è assolutamente detto che questo sia l’unico scenario possibile.
Esistono infatti dei motociclisti che non rinunciano a prendere la propria moto, per passare qualche giorno di baldoria assieme ai loro simili, neanche se le strade sono ricoperte da un metro di neve e la temperatura è così bassa da staccarti il naso se dimentichi la visiera del casco aperta, anzi, se li vanno proprio a cercare.
Per questi intrepidi "assatanati" gennaio è il mese dei grandi appuntamenti, gli sorici motoraduni invernali dove solo i più eroici riescono ad andare: tre quelli più importanti, in Germania, Spagna ed Italia… cominciamo dal raduno d’oltralpe.

ELEFANTENTREFFEN
Da 55 anni si svolge a Loh, nella foresta bavarese, a 40 km a nord di Passau, il più importante motoraduno invernale, quello appunto dell’Elefantentreffen.
Circa 5.000 motociclisti convergono nella "conca della strega" (Hexenkessel) da tutta Europa per montare le tende in un contesto di incontaminata natura… incontaminata finché appunto non giungono tutti questi centauri. Si montano le tende, si accendono i fuochi e si passano tre giorni, quest’anno dal 28 al 30 gennaio, a bivaccare e socializzare, parlando di moto, valicando barriere linguistiche ed ignorando qualsiasi differenza d’età, sesso e nazione, uniti dalla grande passione per la moto che li ha portati fin qui, dopo aver superato prove non certo semplicissime.
Si premiano anche le moto ed i motociclisti più virtuosi: la moto più bella, il motociclista più anziano o quello arrivato da più lontano. Il clima è sicuramente di goliardica amicizia, tanto che chi è venuto qui almeno una volta non riesce poi a non ritornare. Per partecipare si versa una quota di 20 €, quota che può essere versata esclusivamente dai motociclisti, dato che auto e quad non sono ammessi.
Per informazioni e prenotazioni: Elefantentreffen

PINGUINOS
Meno antico, ma non meno estremo, è il raduno Pinguinos che quest’anno festeggi il 30° anniversario e che si svolgerà dal 6 al 9 gennaio 2011 a Puente Duero, vicino Villadolid, sui monti al centro della Spagna.
Anche qui il clima non perdona e già nella zona si registrano temperature che sfiorano i -10°, ma ugualmente i motociclisti che arrivano da ogni dove, sono migliaia.
Nella città spagnola, oltre a veder arrivare migliaia di motociclisti ricoperti di neve, si assiste ad una vera e propria kermesse a base di moto che anima la cittadina per tutto il tempo della manifestazione: si assaporano gli speciali menù pinguinos, si assiste a spettacoli di stunt e freestyle, concerti, sfilate, si eleggono anche qui diversi vincitori di alcune categorie e si assiste anche alla partecipazione di grandi nomi, che si aggirano per la festa, del calibro quest’anno di Marc Marquez, Tony Elias e della leggenda vivente Giacomo Agostini.
Per informazioni: Pinguinos

FURBINENTREFFEN
Tipicamente italiano, invece, il raduno del Furbinentreffen. Perché accamparsi in mezzo alla neve dormendo bagnati ed intirizziti, perché combattere con il ghiaccio che continua a far slittare le gomme delle nostre moto, perché soffrire quando madre natura c’ha regalato la costiera sorrentina e quella amalfitana?
Per chi la pensa così, un po’ più da "furbinen", potrà partecipare all’undicesimo raduno italiano che si svolgerà dal 25 al 27 febbraio.
Nessuno spiazzo innevato per montare le tende sarà il teatro del Furbinentreffen, bensì il comodissimo e lussuoso Grand Hotel Parco dei Principi di Sorrento: un 5 stelle che affaccia sulla baia con il Vesuvio per scenografia. Ma se al Furbinen si dorme più comodi, non da meno è il clima creato dai tanti partecipanti.
Si mangia e si beve, come tradizione vuole, si partecipa ad un rally che porta alla scoperta dei tesori paesaggistici ed enogastronomici, tanto per cambiare, della penisola, si sta in compagnia, si abbattono barriere d’ogni tipo e, fondamentalmente, si fa di tutto per stare insieme, in allegria, tra "motopazzi" d’ogni dove.
Per maggiori informazioni: Furbinentreffen

Autore: Dioniso Manichetti

Tag: Curiosità , raduni , curiosità , turismo , viaggi , inverno in moto


Top