Novità

pubblicato il 8 dicembre 2010

Breganze SF 750 al Motor Bike Expo 2011

Dall'idea di un gruppo di Laverdisti nasce la SF 750

Breganze SF 750 al Motor Bike Expo 2011
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Breganze SF 750 - anteprima 1
  • Breganze SF 750 - anteprima 2
  • Breganze SF 750 - anteprima 3
  • Breganze SF 750 - anteprima 4
  • Breganze SF 750 - anteprima 5
  • Breganze SF 750 - anteprima 6

La Laverda è innegabilmente un nome storico, un marchio che ancora fa battere forte il cuore agli appassionati del motociclismo anni ’70 – ’80. Il marchio veneto è uno di quelli che ancora oggi fa sognare schiere di motociclisti e ciò è dimostrato dal clamore che si solleva ogni volta che si parla del famoso marchio di Breganze.
Visto che i tentativi passati di Aprilia di riportare in vita la Laverda sono naufragati nelle traversie economiche dell’epoca, e considerato che il Gruppo Piaggio non ha attualmente nessuna intenzione riconosciuta di fare qualcosa su Laverda, si sono impegnati alcuni appassionati della casa veneta in un progetto affascinante.

SF 750: OGGI COME ALLORA
Si tratta della costruzione di una moto che, ispirandosi alla bicilindrica SF 750, uno dei modelli più importanti della Laverda, riesca a farne rivivere il mito, trasmettendo le stesse emozioni che resero celebre quella moto.
"Questa moto, il prototipo n. 1 della SF 750 Breganze Motociclette Italiane (questo il nome ufficiale), sarà presente al Motor Bike Expo 2011 per raggiungere – dice Davide Carboniero, anima del progetto – "il grande pubblico degli appassionati".
La SF 750 è stata progettata attorno al conosciuto motore bicilindrico bialbero da 747 cc, che equipaggiò le ultime "vere" Laverda. Si tratta di un bicilindrico parallelo che aveva a suo tempo ottime prestazioni (circa 100 cavalli), alimentato ad iniezione elettronica. Gli appassionati laverdisti coinvolti nel progetto Breganze sono riusciti a mettere le mani su questi motori seguendo i tortuosi percorsi che hanno fatto seguito alla chiusura dello stabilimento ed allo stop alla produzione dei modelli Strike e Formula.
Il propulsore è stato revisionato, aggiornato, dotato di scarico con catalizzatore Euro 3 della Free Spirits, lo stesso atelier che ha curato la realizzazione dal pieno degli accessori. Il motore ora gira che è una bellezza e ha superato la tragica inaffidabilità dei modelli dell’epoca.
Nelle previsioni di Carboniero, saranno tra 40 e 50 le moto che verranno allestite ogni anno, caratterizzate da una spiccata personalità che cita in chiave attuale il mito Laverda, naked in stile cafè racer, la SF 750 ha suscitato enorme curiosità ed interesse dopo la prima apparizione all’EICMA, nel novembre scorso.

Lo scopo di Carboniero & C. non è naturalmente quello di far rivivere il marchio Laverda, di proprietà del gruppo Piaggio, ma di regalare la concretizzazione di un sogno ad altri appassionati.
Un sogno neppure troppo costoso, visto che il prezzo orientativo si aggira sui 20.000 Euro, quotazione più che proporzionata sia all’esclusività della moto sia alle soluzioni tecnologiche adottate.
E mentre si avvicina l’appuntamento del Motor Bike Expo, dove la moto sarà unica protagonista dello stand e dove sarà effettuata una presentazione ufficiale, la View Point di Creazzo (VI), società di industrializzazione che fa da capofila al progetto, ha avviato le procedure per l’omologazione di questa interessante special.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Novità , special , saloni , anticipazioni , eicma 2010


Top