Sport

pubblicato il 1 dicembre 2010

Test BMW a Portimao: la pioggia frena Haslam e Corser

1.540 km di test, quasi tutti sul bagnato

Test BMW a Portimao: la pioggia frena Haslam e Corser
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW Winter Test Jerez/Portimao 2010 - anteprima 1
  • BMW Winter Test Jerez/Portimao 2010 - anteprima 2
  • BMW Winter Test Jerez/Portimao 2010 - anteprima 3
  • BMW Winter Test Jerez/Portimao 2010 - anteprima 4
  • BMW Winter Test Jerez/Portimao 2010 - anteprima 5
  • BMW Winter Test Jerez/Portimao 2010 - anteprima 6

Il programma del Team BMW Motorrad Motorsport, prevedeva una enorme quantità di test da eseguire, durante i cinque giorni si prove, di cui tre a Jerez e due a Portimao, ma la pioggia ha consentito solo un giorno di tregua alla squadra tedesca.
I test in programma prevedevano varie prove sia di sospensioni che di motore e, sia Troy Corser che Leon Haslam hanno provato anche una nuova forcella portata dalla Ohlins, che era stata inizialmente sviluppata per la MotoGP, nuovi freni e differenti geometrie ciclistiche.

Il Team si è dichiarato soddisfatto dei test, in particolare dell’unica giornata asciutta che ha consentito grandi miglioramenti, soprattutto a livello ciclistico. Visto, poi, che il meteo è stato inclemente, il Team ha focalizzato la propria attenzione sulla guidabilità sul bagnato e sull’erogazione ai regimi medio-bassi.
Il Team rientrerà ora a Stephanskirchen, in preparazione dei prossimi test che si terranno a gennaio in Australia a Eastern Creek e a Phillip Island.

I COMMENTI DEI PILOTI
Troy Corser: "Sfortunatamente il maltempo ci ha impedito di ultimare il lavoro, ma nella giornata di Jerez, quando non ha piovuto, abbiamo raccolto molte informazioni importanti. Le mie sensazioni e quelle di Leon sono molto simili in merito alle aree su cui dobbiamo migliorare, e ciò mi fa pensare che stiamo andando nella giusta direzione. Abbiamo provato tantissimo materiale sulle sospensioni, insieme alla Ohlins, con buoni risultati. La pioggia, purtroppo, ci ha seguito da Jerez a Portimao, ma il lavoro non è stato certamente sprecato perché durante la stagione sicuramente ci saranno gare bagnate. Oltre a ciò, guidare così tanto sul bagnato ci ha dato anche importanti informazioni sul comportamento della moto sull’asciutto, perché è più facile identificare i problemi, visto che le velocità sono più basse. Durante questi test ho compiuto il mio 39esimo compleanno, ma devo dire che non mi sento più vecchio di quando avevo trent’anni". Guardo alla prossima stagione con molto ottimismo, e mi piacerebbe riuscire a diventare il Campione più vecchio di tutti i tempi. Adesso tornerò in Australia e mi dedicherò soprattutto all’allenamento. Con il mio trainer abbiamo pianificato un programma molto intenso perché voglio migliorare ulteriormente la mia forma fisica.

Leon Haslam: "Abbiamo fatto progressi interessanti. A Portimao non abbiamo mai avuto asfalto asciutto, ma Lunedì sono stato più veloce al mattino con pista bagnata che al pomeriggio mentre stava lentamente asciugando. L’ultimo giorno abbiamo abbassato i tempi ai livelli corretti per Portimao. Comunque sia, non abbiamo mai spinto al massimo, ma ci siamo concentrati sul miglioramento generale della motocicletta. Sarebbe stato meglio se il meteo ci avesse aiutato, ma sono contento ugualmente. Nelle prossime settimane ho molto da fare. Innanzitutto andrò alla Fiera di Birmingham e poi devo ritirare vari premi. Il 12 dicembre, poi, andrò in Svezia, perché lì, il giorno 15, Olivia e io ci sposeremo! Dopo Natale andremo in Borneo per la luna di miele e poi correrò in Australia per i prossimi Test invernali."

Una curiosità: ai test di Jerez e Portimao ha partecipato anche Ron Haslam, babbo di Leon, che ha approfittato per provare in pista la S 1000RR SBK... ci piacerebbe avere anche le sue impressioni!

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , 1000 , superbike , gare


Top