Eventi

pubblicato il 30 novembre 2010

Ducati Speed Week 2011: 20 anni di passione

A fine luglio la classicissima del Pannoniaring dedicata ai Ducatisti più affezionati

Ducati Speed Week 2011: 20 anni di passione
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Speed Week 2010 - anteprima 1
  • Ducati Speed Week 2010 - anteprima 2
  • Ducati Speed Week 2010 - anteprima 3
  • Ducati Speed Week 2010 - anteprima 4
  • Ducati Speed Week 2010 - anteprima 5

Quattro giorni di passione dedicati al divertimento e alla guida in pista. Torna anche per il 2011, presso l’autodromo ungherese di Pannoniaring, una delle più importanti manifestazioni motociclistiche amatoriali di livello europeo.
L’evento si terrà dal 28 al 31 luglio 2011 e sarà addirittura la sua ventesima edizione. Tutti gli appassionati potranno così usufruire del tracciato ungherese, appositamente studiato per il motociclismo e che conta più di cinque chilometri di lunghezza.
Questa è naturalmente la base della manifestazione, e inoltre non c’è una burocrazia complicata e laboriosa come negli altri circuiti. Non c’è limitazione per il rumore e fatta l’assicurazione si può girare liberamente.

Siete preoccupati per gli accompagnatori o le accompagnatrici? Sappiate allora che vicino alla pista si trova una famosa stazione termale, quella di Sarvar, dove si trovano alberghi, piscine e parchi acquatici.
Nel 2010 si sono contati la bellezza di oltre 250 iscritti provenienti da tutta Europa.
La manifestazione si rivolge a tutti, basta naturalmente avere un minimo di pratica con la pista e ovviamente, voglia di divertirsi. La Ducati Speed Week infatti, non è un evento competitivo, dunque niente gare, ma solo la gioia di girare in pista, un luogo sicuro e protetto.
Questo non significa però che mancheranno le emozioni. L’evento si svolgerà come una vera gara, con tanto di prove libere, cronometrate e warm-up, il tutto in un contesto sicuro al 100%.

Il prezzo della manifestazione poi, è particolarmente invitante. Per quattro giorni di pista infatti, bisogna pagare solo 250 Euro. Parliamo dunque di tariffe bassissime, e questo grazie alla quantità dei partecipanti.
Aperta a tutti i tipi di moto, l’evento vedrà la suddivisione dei partecipanti in sette categorie: la classe "B" (Ducati Desmodue), solo motori Ducati due valvole e classifiche separate per; 1. Generale 2. Ducati cinque marce (max 106 dB/A). "D" (Ducati Superstock), per Ducati 748, 749, 848, 851, 888. Per 916, 996, 998, 999 solo le versioni biposto non elaborate (max 102 dB/A). "E" (Ducati Racing), per Ducati 916, 996, 998, 999 nelle versioni S, SP, SPS, R, Racing. 1098 e 1198 in tutte le versioni (max 102 dB/A). "F" (Superbike), due cilindri e quattro cilindri fino a 1200 cc (max 102 dB/A). "H" (Pro Twins), tutte le moto bicilindriche a quattro tempi oltre 580 cc con classifiche separate per 1. Generale e 2. Ducati due valvole (max 102 dB/A). "J" (Open), due cilindri fino a 1.200 cc, tre cilindri e quattro cilindri fino a 1.000 cc, cilindrata minima 580 cc (max 102 dB/A). "M" (Supersport), due cilindri fino a 850 cc/quattro cilindri fino a 600 cc. "Naked", senza carena fissata al telaio, cilindrata 580 cc - 1.200 cc e con classifiche separate per; 1. Supersport 2. Naked (max 102 dB/A).

Come da tradizione poi, si svolgerà in contemporanea anche la Classic Speed Week, ovvero una manifestazione dedicata a tutti i motocicli "nati" tra il 1950 e il 1980.
Per partecipare è facilissimo, basta scaricare i moduli di iscrizione che si trovano sul sito Ducatispeedweek.org e inviarli alle mail che trovate sempre sullo stesso sito.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Eventi , monomarca , gare , autodromi


Top